Bonus 500 euro: somme residue scorso anno possono essere spese presso qualsiasi esercente e rendicontate in segreteria. Scadenza 31 agosto 2017

WhatsApp
Telegram

Bonus 500 euro docenti: la somma non spesa lo scorso anno si cumula con i 500 euro erogati per il corrente anno scolastico. Le differenze.

La somma dell’a.s. 2016/17 è stata inserita nel cosidetto “borsellino elettronico”, ossia la piattaforma http://cartadeldocente.istruzione.it alla quale si accede tramite identità digitale. Carta docente 500 euro: registrarsi, dove spendere, generare un buono, rendicontare. Guida gratuita passo passo

E’ possibile invece spendere, con modalità diversa, eventuale somma residua dell’a.s. 2015/16, già accreditata con cedolino.

E’ bene ricordare che la somma dell’a.s. 2015/16 non spesa entro il 31 agosto 2016 deve  essere improrogabilmente utilizzata e rendicontata entro il 31 agosto 2017, secondo le modalità previste dal decreto del MIUR n. 642 del 9 agosto 2016. La somma non rendicontata alla data del 31 agosto 2017, sarà recuperata sull’erogazione dell’anno scolastico 2017/2018 (scatta cioè l’onere della restituzione).

Una buona notizia, rispetto alle difficoltà che in questi primi giorni di utilizzo i docenti stanno riscontrando nella piattaforma, è che tale somma può essere spesa – esattamente come lo scorso anno – presso qualsiasi esercente (e non solo in quelli accreditati in piattaforma).

Per conoscere l’importo ancora residuo (per chi dovesse avere dubbi) è necessario rivolgersi in segreteria, dove è conservato il fascicolo della rendicontazione dello scorso anno.

La somma così spesa sarà rendicontata presso le segreterie scolastiche di appartenenza esattamente con le stesse modalità dello scorso anno

Modello di rendicontazione bonus 500 euro proposto da OrizzonteScuola.it

Carta docente bonus 500 euro, docenti si possono registrare. Il sito è online

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur