Bonus 500 euro per smartphone: per gli insegnanti indispensabile per didattica a distanza. Lettera


item-thumbnail

inviata da Tiziana Buonocore – Sono  un’insegnante della scuola primaria che svolge, come tutti gli insegnanti d’Italia, la DAD.

Sto utilizzando il PC per fare videolezioni, ma la maggior parte delle volte sono costretta a farla con il mio telefono.
La correzione dei compiti la effettuo principalmente con il telefono, perché sul PC diventa troppo difficoltoso ( aprire le emails, o whatsapp,  scaricare immagini e PDF, visualizzarli , correggerli e reinviare le correzioni)
Visto che questa situazione si prolungherà nel tempo, non riesco a comprendere perché non si possa acquistare uno smartphone con la carta docente.
Tutte le app per la DAD sono su Google play store, compresa quella del registro Spaggiari, che è in uso nel mio istituto.
La memoria del mio telefono ormai è satura, come peraltro quella dei miei colleghi.
Perché il ministero non ci concede l’acquisto di uno smartphone da dedicare esclusivamente per la didattica?
Che differenza c’è, poi, tra smartphone e tablet?!?
Nessuna!!!
Versione stampabile
soloformazione