Bonus 500 euro per 18enni, Meloni: “Va rivisto e introdotto un limite di reddito”

WhatsApp
Telegram

Il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, in un intervento sui propri social parla del bonus 18enni.

La misura non va abolita, afferma, ma rivista: “Il bonus viene riconosciuto a tutti indipendentemente dal reddito e questo è sbagliato”. Per Meloni “va introdotto un limite di reddito” e “bisogna lavorare per evitare le truffe”.

E ancora: “Non c’è ragione che lo riceva il figlio di un milionario, di un parlamentare, o mia figlia. Va introdotto un limite al reddito di chi accede a questa misura, e vanno meglio definiti i contenuti e le cose che si possono acquistare con queste risorse e credo anche che occorra lavorare sulle truffe. Quindi confermo che intendiamo modificare questa norma, senza però togliere queste risorse alla loro destinazione originale, i giovani e la cultura”.

“Manteniamo l’impegno preso pubblicamente. Quella che era la carta 18App rimarrà, ci sarà continuità e lavoreremo con le categorie per perfezionarla”, aveva detto il presidente della Commissione Cultura alla Camera, Federico Mollicone, ribadendo però l’intenzione di intervenire sul meccanismo.

Spunto per ridefinerne i criteri le truffe più di un milione e mezzo di euro, scoperte grazie alle inchieste della Procura di Napoli e Catanzaro. “Mi dispiace rivelare e rilevare che c’è stata omessa vigilanza da parte del ministero. Vuol dire che la formula vecchia non metteva al riparo dall’uso fraudolento” ha aggiunto.

I reati però, ha spiegato, non tolgono nulla “alla validità e al sostegno al consumo culturale che io personalmente e che noi di Fratelli d’Italia abbiamo sempre sostenuto come politiche attive”.

Leggi anche

Bonus 18App, scontro fra maggioranza e opposizione. Il Ministro Sangiuliano: “Bonus cultura va ridefinito e rinominato”

Stop al bonus 18 App, la maggioranza spinge: “Nascerà una nuova Carta Cultura”. Protesta l’opposizione. EMENDAMENTO LEGGE DI BILANCIO

WhatsApp
Telegram

TFA Sostegno VIII CICLO. La pubblicazione del decreto è imminente. Preparati con il metodo ideato da Eurosofia