Bonus 500 euro. I musei non sanno cosa fare e sono in attesa di disposizioni ministeriali

Stampa

Un'indagine fatta tra i principali musei della città di Milano ha evidenziato che non tutti sanno che devono rilasciare un biglietto nominale con anagrafica e codice fiscale utile per la rendicontazione del bonus di 500 euro, e questo vale anche per cinema e teatri.

Un'indagine fatta tra i principali musei della città di Milano ha evidenziato che non tutti sanno che devono rilasciare un biglietto nominale con anagrafica e codice fiscale utile per la rendicontazione del bonus di 500 euro, e questo vale anche per cinema e teatri.

Alcuni musei si sono adattati, ma ognuno fa un po' come meglio crede: il museo più aggiornato sulla legge è la Pinacoteca di Brera che, insieme al Cenacolo, è in grado di inserire l'anagrafica e il codice fiscale, ma "solo se i docenti si presentano alla biglietteria con il decreto ministeriale firmato dal dirigente scolastico".

Secondo Pippo Frisone della CGIL, come ha dichiarato alla stampa, i musei non sanno come comportarsi perché il MIUR non ha chiarito ancora cosa si deve fare: infatti la legge parla di necessaria documentazione senza però precisare se fattura, ricevuta o scontrini. 

Il sindacalista consiglia di conservare ticket, scontrini e fatture, saranno le segreterie scolastiche a raccogliere la documentazione mentre i revisori dei conti ne accerteranno la validità, sempre in attesa di un chiarimento ministeriale che dia maggiori dettagli.

Stampa

Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un innovativo ciclo formativo per acquisire le competenze specifiche