Bonus 500 euro: il docente in pensione dal 1° settembre deve spenderlo entro il 31 agosto

di Giovanna Onnis

item-thumbnail

Il bonus di 500 euro 2018/19 non ancora speso può essere utilizzato il prossimo anno scolastico, entro il 31 agosto 2020. Fanno eccezione i docenti che saranno in pensione dal prossimo 1° settembre

Una lettrice ci scrive:

Sono una docente della scuola secondaria secondo grado, quest’anno non ho speso alcunché del bonus di 500€ della carta docenti . Sarò in pensione dal 1 settembre, potrò ancora disporne o debbo spenderlo assolutamente entro il 31 agosto?”

Il docente che non ha ancora speso, in tutto o in parte, il bonus di 500 euro erogato per l’anno scolastico 2018/19, ha tempo ancora un anno e potrà utilizzarlo entro il 31 agosto 2020

Bonus 500 euro: come si utilizza

Il bonus di 500 euro erogato dal MIUR a tutti i docenti di ruolo delle scuole statali, anche neoimmessi in ruolo o con contratto part-time, esclusi i docenti precari e i docenti delle scuole non statali, deve essere utilizzato per la formazione e aggiornamento

E’ possibile acquistare:

a) libri e testi, anche in formato digitale, pubblicazioni e riviste comunque utili all’aggiornamento professionale

b) hardware e software

c) iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, svolti da enti accreditati presso il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca

d) iscrizione a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale, ovvero a corsi post lauream o a master universitari inerenti al profilo professionale

e) titoli di accesso per rappresentazioni teatrali e cinematografiche

f) titoli per l’ingresso a musei, mostre ed eventi culturali e spettacoli dal vivo

g) iniziative coerenti con le attività individuate nell’ambito del piano triennale dell’offerta formativa delle scuole e del Piano nazionale di formazione, di cui articolo 1, comma 124, della legge n. 107 del 2015

Entro quando deve essere utilizzato?

Il docente ha tempo due anni scolastici per utilizzare il bonus di 500 euro,  cioè l’anno di erogazione e l’anno successivo, in sintonia con quanto prevede l’art.6 comma 6 del DPCM/2016, dove si stabilisce quanto segue:

Le somme non spese entro la conclusione dell’anno scolastico di riferimento sono rese disponibili nella Carta dell’anno scolastico successivo, in aggiunta alle risorse ordinariamente erogate”

Coloro che non hanno utilizzato ancora il bonus o ne hanno utilizzato solo una parte, potranno, quindi,  usufruirne il prossimo anno scolastico, come residuo del 2018/19, e avranno tempo fino al 31 agosto 2020

Regola diversa per i docenti in pensione dal 1° settembre 2019

La possibilità di spendere il bonus 2018/19 entro il prossimo anno scolastico 2019/20 non è valida, però, per i docenti che saranno in pensione con decorrenza 1° settembre 2019.

Come chiarisce esplicitamente il succitato DPCM/2016, nell’art.3 comma 2, ”La Carta non è più fruibile all’atto della cessazione dal servizio

Conclusioni

La nostra lettrice, quindi, non potrà utilizzate il bonus non speso quest’anno nel 2019/20 in quanto risulterà in pensione e come docente che ha cessato il servizio non potrà più accedere nella piattaforma ministeriale Carta del Docente per generare i relativi buoni

Per non perdere la somma ancora disponibile dovrà, quindi utilizzarla entro il 31 agosto 2019

 

Invia il tuo quesito a [email protected]

Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente [email protected]

Versione stampabile
Argomenti:
ads ads