Bonus 500 euro. Gilda: dal Miur info contrastanti, si parla di carta, voucher, piattaforma. Intanto docenti hanno anticipato spese

di redazione
ipsef

La Gilda degli Insegnanti denuncia il ritardo nell’attivazione della carta elettronica per l’aggiornamento dei docenti e la confusione circa le modalità di applicazione della relativa norma e chiede al Miur un incontro urgente per avere chiarimenti in merito. 

“Tra i docenti che si stanno rivolgendo alle nostre strutture provinciali – spiega il coordinatore nazionale Rino Di Meglio che oggi ha inviato una lettera al ministro Giannini – regna l’incertezza sull’uso della card per l’anno scolastico in corso. A tutt’oggi infatti mancano chiari indirizzi da parte del Ministero circa l’applicazione delle norme della legge 107/2015 concernenti la carta elettronica. La nostra delegazione ha avuto incontri informali con i dirigenti preposti alla Formazione e al Bilancio, i quali hanno fornito informazioni contrastanti: c’è chi ha prospettato l’ipotesi di una carta elettronica prepagata, chi di un voucher, chi di iscrizioni e pagamento mediante una piattaforma gestita dal Miur”.

“I docenti – sottolinea Di Meglio – hanno già iniziato dal 1 settembre percorsi di formazione con enti, università, associazioni accreditate al Miur accollandosene i costi, o hanno sostenuto spese finalizzate alla formazione come definite dal comma 121 della legge 107/15. Considerato il ritardo nell’attivazione della carta elettronica, la Fgu-Gilda degli Insegnanti chiede che per l’anno scolastico in corso vi sia un percorso transitorio che consenta a tutti i docenti di accedere alla formazione obbligatoria con la necessaria consapevolezza e certezza del diritto”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare