Bonus 500 euro formazione, non si può utilizzare se prima non arriva Carta elettronica

di redazione
ipsef

Nella giornata di ieri, oltre all’incontro pomeridiano tra Miur e sindacati su mobilità, chiamata diretta e deleghe, se ne è svolto un altro in mattinata, durante il quale si è affrontato, tra gli atri, il tema riguardante la carta docenti per l’a.s. 2016/17.

Lo scorso anno scolastico, com’è noto,  le somme per la formazione dei docenti (500 euro) sono state accreditate direttamente sui conti correnti (o meglio tramite lo stipendio) del personale coinvolto, mentre da quest’anno dovrebbe trovare piena attuazione quanto previsto dal comma 121 della legge 107/2015, secondo il quale ai docenti dovrà essere fornita una Carta elettronica dal valore nominale di 500 euro.

Numerosi i quesiti giunti in redazione riguardo all’utilizzo della suddetta somma: Da quando è possibile spendere i soldi per la formazione? Dobbiamo attendere indicazioni dal Miur? La carta elettronica ci sarà fornita? Se sì, quando?

Interrogativi ai quali, tuttora, non è possibile fornire una risposta puntuale, in quanto dall’incontro di ieri, come apprendiamo dalla Flc Cgil, è emerso soltanto che si deve attendere.

Il Miur ha comunicato, infatti, che i docenti, prima di utilizzare i fondi per il corrente anno scolastico, devono aspettare che sia loro fornita la carta. Lo scorso anno, ha proseguito l’amministrazione, è stato di transizione, dal corrente non si può che rispettare le disposizioni del suddetto comma.

Non sono state fornite informazioni in merito alla tempistica.

Mobilità 2017: sarà in unica fase per tutti i docenti. Entro Natale forse le nuove regole

Incontro Miur-sindacati, Uil: mobilità 2016/17 restano ingiustizie, chiamata diretta da negoziare, immissioni ATA su turnover, fase transitoria nella delega sul reclutamento

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione