Bonus 500 euro docenti, Miur non ha ancora chiuso pratiche 2015. Rendicontazione per spese da effettuare entro il 31 agosto 2017

WhatsApp
Telegram

Rendicontazione bonus 500 euro dell’a.s. 2015/16 per i docenti e il personale educativo di ruolo: a che punto siamo?

Le segreterie in difficoltà hanno sollecitato gli USR, i quali però sono intervenuti integrando i modelli in maniera non corretta.

Gli errori riscontrati dal Miur sono stati: i modelli C sono stati integrati e corretti dagli UU.SS.RR. mediante successive comunicazioni, spesso erroneamente elaborati in formato PDF anziché in excel, oltre all’ulteriore inserimento di dati con modalità non corrette rispetto al suddetto formato, come ad esempio, la frequente presenza di espressioni testuali nelle colonne riservate al mero valore numerico e, in qualche caso, anche la carente compilazione dello spazio riservato al codice fiscale.

Il problema per il Ministero è quello di poter procedere definitivamente al recupero per il prossimo anno scolastico 2017/2018, delle somme non rendicontate correttamente o eventualmente utilizzate per spese inammissibili.

Pertanto ritiene necessario acquisire nuovamente i modelli C da parte degli USR entro il 30 di aprile 2017, eventualmente rivisti e corretti. A tal fine il Miur ha diramato agli USR una nota in cui sono contenute le istruzioni per una corretta rendicontazione

Tali importi saranno poi successivamente comunicati alla società Sogei, per essere scalati dall’emissione del prossimo bonus docenti nel successivo anno scolastico.

Il Miur ricorda inoltra che le somme non spese entro il 31 agosto 2016 devono essere improrogabilmente utilizzate e rendicontate entro il 31 agosto 2017, nel rispetto delle modalità indicate nella circolare n. 12228 del 29/8/2016.

Le predette somme non rendicontate entro il 31 agosto 2017, e le somme non rendicontate correttamente o eventualmente utilizzate per spese inammissibili sono recuperate a valere sulle risorse disponibili sulla Carta con l’erogazione
riferita all’anno scolastico successivo.

Per la valutazione delle spese inammissibili si rimanda comunque all’articolo 4 del DPCM 23 settembre 2015, alla conseguente circolare 12228 del 29 agosto 2016 e alle FAQ di questo Ministero.

Il personale docente, che ha ricevuto il bonus euro 500, per l’anno scolastico 2015/2016 nei mesi di novembre e di dicembre 2016, deve rendicontare, entro il 31 agosto 2017, la spesa sostenuta con le modalità previste dalla nota MIUR n. 12228 del 29 agosto 2016.

Anche il personale educativo dovrà rendicontare la spesa sostenuta con le modalità previste dalla nota MIUR 12228 del 29 agosto 2016, utilizzando esclusivamente i modelli allegati alla suddetta nota (modelli A e B), precisando che le somme non rendicontate entro il 31 agosto 2017, e le somme non rendicontate correttamente o eventualmente utilizzate per spese inammissibili dovranno essere recuperate.

Come già indicato nella citata nota del 29 agosto 2016, in merito ai docenti destinatari del bonus per l’anno scolastico 2015/2016, collocati in quiescenza dal 1 settembre 2016, sarà cura di codesti Uffici scolastici territorialmente competenti, nell’ambito delle attività di controllo, provvedere al recupero delle somme spese per beni e servizi inammissibili, non rendicontate e/o non utilizzate da parte dei predetti docenti, attivando le necessarie procedure di versamento delle somme all’entrata del bilancio da parte dei soggetti interessati.

La nota Miur su rendicontazione a.s. 2015/16

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur