Bonus 500 euro carta docente nello stipendio per tutti. La petizione

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Su Change.org è stata avviata una petizione che chiede di far confluire il bonus 500 spendibile dai docenti come Carta docente nello stipendio, nella parte utile ai fini pensionistici. 

Categorie escluse dal Bonus 500 euro

Lo spunto è la recente decisione  del Consiglio di Stato che nega l’erogazione del bonus 500 euro al personale educativo e al personale ATA.  Non ne beneficiano, da sempre, neanche i docenti precari.

Bonus utilizzato per acquisto PC e tablet

A rinforzo, le ultime statistiche sull’utilizzo del bonus, per il 70% dedicato all’acquisto di PC e tablet, e solo in forma residuale per la formazione. 500 euro Carta docente, docenti comprano PC, tablet e libri. Bassa la spesa per corsi di formazione

Il bonus 500 euro nello stipendio è anche uno degli obiettivi del sindacato SNALS Serafini, Snals: stipendio più alto con bonus 500 euro e progetti, precari 36 mesi vanno assunti con concorso riservato

La petizione

Leggiamo nella presentazione “Riteniamo infatti che sarebbe di gran lunga preferibile eliminare tutte queste “elemosine” della scuola renziana, incrementando invece gli stipendi dei lavoratori della scuola. E che sarebbe certo più semplice allargare il contenuto del bonus alle restanti figure professionali della scuola italiana. […]

Tra Fis, bonus merito, carta docenti, ci sarebbero difatti circa un miliardo da mettere sugli stipendi di Ata, educatori e docenti, il che significa circa 1.000 euro lordi in più all’anno, finanche pensionabili.

Denunciando pertanto l’ingiusto trattamento, chiediamo dunque la cancellazione del bonus, con l’inserimento dei relativi proventi per tutti i lavoratori della scuola nello stipendio tabellare, utile anche ai fini pensionistici. […]

La nostra richiesta  è netta e chiara: portiamo reddito utile anche a fini pensionistici, inserendo invece quella cifra nello stipendio tabellare.

La petizione

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione