Bonus 500 euro anche per acquisto quotidiani? Sarebbe necessario lo scontrino parlante

Stampa

Anche i quotidiani saranno acquistabili con il bonus di 500 euro? Si fa concreta questa possibilità dopo le dichiarazioni rilasciate poco fa dalla ministra della Pubblica Amministrazione Marianna Madia in un interessante videoforum di Repubblica Tv.

Anche i quotidiani saranno acquistabili con il bonus di 500 euro? Si fa concreta questa possibilità dopo le dichiarazioni rilasciate poco fa dalla ministra della Pubblica Amministrazione Marianna Madia in un interessante videoforum di Repubblica Tv.

La testata ha intervistato la ministra in merito ai temi legati alla riforma della pubblica amministrazione.

È finita – ha spiegato – l'epoca della retorica sugli statali 'fannulloni’. Il motore della riforma sono i lavoratori pubblici".

E ha annunciato anche che entro breve – prima di Natale o agli inizi di gennaio –  verrà approvata in Consiglio dei ministri la prima tranche di dieci decreti attuativi necessari a far partire concretamente la riforma della pubblica Amministrazione, approvata ad agosto e presentata dal premier Matteo Renzi come il 'cuore' di un nuovo rapporto tra Stato e cittadini.

Ma veniamo alla novità sul bonus. A un professore, Gianni Catellacci, che proponeva di includere anche i quotidiani nel bonus dei 500 euro per i docenti, la Madia ha risposto così: “Perché no, i quotidiani sono fondamentali per tutti noi per capire a che punto sta il dibattito pubblico – ha aggiunto – nelle scuole ritengo che sia fondamentale avere insegnanti al passo con il dibattito pubblico e le complessità del mondo e del nostro Paese”.

Si tratta ora di attendere qualche giorno per capire se da Roma arriveranno conferme in proposito e nuove indicazioni operative sulla rendicontazione dei singoli acquisti.

Per i giornali potrebbe bastare un’autocertificazione, visto che le edicole non rilasciano lo scontrino parlante? Si potrebbe ovviare, qualora il progetto andasse in porto, con l’abbonamento online.

Quanto alle difficoltà manifestate da tanti docenti in merito alla rendicontazione dell’aquisto di libri, ricordiamo che le librerie possono benissimo rilasciare su richiesta lo scontrino parlante, con il codice fiscale dell’acquirente, così come fanno le farmacie.

Insegnanti spendono il bonus 500 euro ma sulla rendicontazione il Miur non ha ancora chiarito

 

.

 

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata