Bonus 200 euro e rimborso 730 precompilato: a luglio possibile stipendio extra-large per molti. Le info utili

WhatsApp
Telegram

A Luglio per molti potrebbe arrivare un super stipendio: fra bonus 200 euro e i rimborsi del 730 precompilato l’estate potrebbe infatti diventare un momento decisamente positivo.

Appare evidente però, ricorda il Corriere della Sera, che per arrivare a ciò bisogna muoversi con grande velocità.

Bonus 200 euro

Il bonus è destinato anche a tutti coloro che per il mese di giugno 2022 percepiranno l’indennità di disoccupazione o la Naspi. Il bonus andrà anche ai percettori del reddito di cittadinanza, ai lavoratori stagionali e ai colf (collaboratori domestici).

A riceverlo, dunque, saranno oltre la metà degli italiani, e cioè 31,5 milioni di cittadini. Si tratta di 13,78 milioni di lavoratori dipendenti, 13,7 milioni di pensionati e 4 milioni di altri cittadini, tra cui 900mila percettori di Reddito di cittadinanza ma anche 750mila badanti e colf.

Si tratta di una misura una tantum (cioè che viene erogato una sola volta). Il bonus si troverà direttamente nel cedolino della pensione o nella busta paga, come un aumento. Quindi non si dovrà fare alcuna richiesta. Arriverà con la busta paga di luglio (nel caso dei pensionati, attraverso l’Inps).

In base a quanto riportato in precedenza, dovrebbero essere esclusi tutti i docenti e Ata non di ruolo con incarico che termina il 30 giugno 2022.

730 online precompilato

Nella scheda di approfondimento del Corriere della Sera, si ricorda che ill contribuente può accedere direttamente alla propria dichiarazione dei redditi precompilata dal sito dell’Agenzia delle entrate, attraverso le funzionalità rese disponibili all’interno dell’area riservata, utilizzando uno dei seguenti strumenti di autenticazione:

– Carta Nazionale dei Servizi (CNS) o identità SPID; Carta d’identità elettronica (CIE);
– Credenziali rilasciate dall’Agenzia (Entratel/Fisconline);
– Credenziali dispositive rilasciate dall’Inps.

A questo punto, entrato nella propria area riservata, il contribuente può
– visualizzare e stampare la dichiarazione;
– accettare o modificare (anche con integrazione, dei dati contenuti nella dichiarazione) e inviare;
– versare le somme eventualmente dovute mediante modello F24 già compilato con i dati relativi al pagamento da eseguire, con possibilità di addebito sul proprio conto corrente bancario o postale;
– indicare le coordinate del conto corrente bancario o postale sul quale accreditare l’eventuale rimborso.

Al fine di ricevere eventuali comunicazioni relative alla propria dichiarazione 730 precompilata, bisogna inserire un indirizzo di posta elettronica valido, sempre nell’apposita sezione della propria area riservata.

Tuttavia è sempre possibile conferire una procura a un persona di fiducia per effettuare le operazioni per proprio conto. I Caf e i professionisti abilitati possono nominare i propri dipendenti come operatori incaricati.

Entro 3 giorni dall’invio della richiesta, il sistema fornisce nella sezione “Ricevute” dell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate un file, identificato dallo stesso protocollo telematico della richiesta, rilasciato dall’Agenzia e contenente l’elenco degli eventuali errori riscontrati nelle richieste trasmesse, con la relativa diagnostica. In tal caso è necessario inviare un nuovo file, predisposto con le modalità di cui sopra, contenente i dati corretti.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur