Bonino: immigrati necessari alla suola. “Senza di loro 68 mila insegnanti non lavorerebbero”

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il leader di +Europa, Emma Bonino, è intervenuto sul tema dell’immigrazione che riguarda indirettamente anche la scuola.

La Bonino, come riferito da Libero.it, sottolinea la necessità di regolarizzare i 500mila stranieri irregolari, perché in tale condizione non possono lavorare regolarmente, per cui o lo fanno in nero oppure delinquono.

La leader di + Europa ha poi ricordato i diversi lavori, rifiutati dagli italiani e che svolgono soltanto gli stranieri.

Infine, la Bonino ha sottolineato che: “I figli degli immigrati sono 800 mila e senza di loro 68 mila insegnanti non lavorerebbero”.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione