Bonino: basta Latino. Fratelli d’Italia: viva la cultura classica

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Fratelli d’Italia – Combattiamo l’idea che gli studi umanistici costituiscano un freno allo sviluppo economico del paese.

E’ il proposito annunciato da Fratelli d’Italia, con il portavoce regionale Salvatore Deidda, capolista di Fdi nel collegio proporzionale del sud Sardegna.

L’esponente di Fratelli D’Italia risponde a distanza alla Bonino e al centrosinistra che hanno annunciato e lo stanno portando avanti con il Ministro Fedeli un ridimensionamento dei Licei a favore di una Istruzione mirata a lavori manuali.

“Diciamo no al ridimensionamento del Liceo Classico e vogliamo permettere alle future generazioni di poter continuare a formarsi sui testi, tra i tanti, di Cicerone e Platone, ultimi baluardi per la salvezza della cultura e dei valori fondanti la nostra società. La contrapposizione tra istruzione tecnica e futuro occupazionale è un errore pacchiano e risponde a interessi di poteri e multinazionale che vogliono distruggere la nostra identità e vogliono uccidere lo Spirito critico”

“Bocciato la Bonino. Tuteliamo il “metodo classico” che consente agli studenti di acquisire una forma mentis tale da affrontare qualsiasi tipo di studio universitario, sia esso umanistico o scientifico.

Proteggiamo questa roccaforte culturale che rischia di essere violata da riforme finalizzate solo a deturpare una delle istituzioni più importanti che la scuola italiana ancora possieda.”

Non esiste nessuna “Buona Scuola” senza il Liceo Classico.

 

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione