Bonetti: “Per riaperture dare date certe ora non è coerente”

Stampa

”In questo momento credo che dare delle date precise non sia coerente con il fatto che le date vengono determinate proprio nella valutazione passo dopo passo della diffusione dell’epidemia, in base ai dati”.

Così a Sky TG24 il ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti.

”Servono modelli predittivi – ha proseguito – e sulla base di questi si decide. Oggi, anche alla luce delle notizie importanti e rassicuranti che stanno arrivando, possiamo affermare che il piano vaccinale che abbiamo previsto andrà avanti, questo significherà mettere in sicurezza prima di giugno la popolazione più fragile ed esposta a rischi gravi, se a questo si affiancherà una diminuzione degli effetti del contagio potremo anticipare le riaperture. Già questa settimana stiamo facendo una prima rivalutazione dei dati. Sulla base di questi dati vedremo di riaprire, a partire magari dalle scuole”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur