Bonetti: congedo per i genitori con figli in Dad, lavoriamo perché valga per tutti i giorni. A luglio assegno universale

Stampa

“Mi sono subito attivata, ma tutto il governo nelle sue varie componenti ha manifestato una analoga sensibilità, per varare un pacchetto di strumenti a sostegno soprattutto delle famiglie che saranno chiamate a sostenere di nuovo un grosso sforzo per la sospensione della didattica in presenza”. Così la ministra della Famiglia Elena Bonetti a Il Messaggero. 

Saranno previsti, spiega Bonetti, “i congedi retribuiti al 50% per chi è costretto a sospendere la propria attività per rimanere a casa con i figli con meno di 14 anni. Stiamo inoltre predisponendo la possibilità di ricorrere al congedo parentale non retribuito per chi ha figli d’età superiore ai 14 anni. Stiamo lavorando perché il congedo valga per tutti i giorni in cui una scuola ricorrerà alla didattica a distanza”.

Il decreto con le misure sarà varato “a giorni, penso al massimo all’inizio della prossima settimana”.

Ci sarà inoltre una misura per “il sostegno economico che andrà ai genitori che hanno una partita Iva o comunque un’attività autonoma”.

Sulle cifre, Bonetti precisa: “ci stiamo confrontando col Tesoro, al momento è in campo una prima ipotesi di 200 milioni”.

La novità è che gli aiuti “andranno a tutte le famiglie che dovranno sopportare i figli per la didattica a distanza”, non solo per le zone rosse dunque.

E infine, la ministra ricorda “l’appuntamento di luglio con l’assegno unico e universale per i figli. Manca poco, occorre attendere l’approvazione in Senato delle legge delega ma stiamo già profilando i decreti attuativi per rispettare i tempi previsti”.

Stampa

Il nuovo modello di PEI, Eurosofia avvia un nuovo percorso formativo. Primo incontro il 28 aprile