Bonetti: cittadinanza italiana a studenti e assegni in gravidanza

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il ministro della famiglia, Elena Bonetti, in un’intervista a La Stampa, spiega i suoi progetti nel Governo Conte 2: Ius culturae per bambini figli di stranieri e assegni in gravidanza.

Un bambino, figlio di stranieri, che concluda un ciclo di studi nel nostro Paese deve avere la cittadinanza italiana con lo Ius Culturae: se lo Stato investe nella formazione di una persona, poi è giusto che la valorizzi. Fu un errore non approvarlo nella scorsa legislatura e per questo con i Comitati di azione civile promossi da Renzi lo abbiamo rilanciato con una proposta di leggespiega Bonetti la sua idea di Family Act, in linea con Renzi anche dopo la scissione.

Bonetti intende poi “porre il tema della famiglia, con un progetto di sistema che combatta la denatalità e rimetta l’educazione al centro. L’asilo gratis e l’assegno unico sono utili per incentivare il ritorno al lavoro dopo la gravidanza“. L’assegno mensile dovrebbe essere assegnato, secondo la ministra, dagli ultimi mesi della gravidanza fino all’età adulta del figlio.

Contiamo anche di dare una risposta alle difficoltà di tante giovani mamme che, con contratti a tempo determinato o lavoratrici autonome, oggi non godono di alcuna forma di sostegno. Vedremo cosa inserire nella manovra, in base alle risorse. Ma bisogna fare in fretta” conclude Bonetti.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione