Bonaccini: “La scuola è troppo importante, piuttosto che DaD, fare turni pomeridiani in presenza”

Stampa

“Io sarei per riaprire già a dicembre. Di scuola si è parlato troppo poco, per me la scuola è anche socialità”.

“Stiamo rischiando di non comprendere fino in fondo il prezzo che stiamo facendo pagare ai ragazzi. Dopodiché non si tratta di qualche settimana di più o di meno, bisogna lavorare bene perché quando si ripartirà, se i primi di gennaio sarà i primi di gennaio, in ogni caso si riparta bene”.

Così Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna e della conferenza delle Regioni, intervistato a  Omnibus, su La7.

“La scuola è troppo importante”, aggiunge Bonaccini spiegando che serviranno anche turni pomeridiani, “in una fase straordinaria si  prendono misure straordinarie. Piuttosto che fare ancora lezioni a distanza penso che qualche sacrificio per prendere lezioni in presenza sia meglio”.

“Se sono i primi di gennaio – aggiunge il governatore – è comunque un tempo non troppo lontano, tra poco più di un mese. Credo però che non bisogna sottovalutare cosa significhi per tanti ragazze e ragazzi di questo paese aver per tantissimi mesi rinunciato alla didattica in presenza. Il tema della scuola va messo come centrale, perché dobbiamo investire sui ragazzi di questo paese”.

Stampa

Aggiornamento Ata: Puoi migliorare il tuo punteggio in tempi rapidi: corso di dattilografia a soli 99 euro. Contatta Eurosofia