A Bologna si lavora nei nidi e negli ospedali solo se vaccinati

di redazione
ipsef

item-thumbnail

A Bologna per poter lavorare in alcuni settori occorrerà essere vaccinati, in particolare se si lavora nelle terapie intensive, nelle rianimazioni, nel settore dei trapianti, nell’oncologia o nell’ematologia, nella pediatria o nell’ostetricia.

Ma anche chi si iscrive a medicina deve essere vaccinato. Devono esserlo anche gli operatori dei nidi.
Così l’assessore regionale alla salute Sergio Venturi: “L’operatore è come una mamma, dovrebbe essere vaccinato. Dovremo riuscire anche qui a fare un ragionamento parallelo a quello per gli ospedali. Ovvio che rispetto alle aziende sanitarie non abbiamo un potere contrattuale: dunque bisogna contattare i privati e i Comuni da cui dipendono queste strutture. Stiamo ragionando su quale potrebbe essere il migliore strumento legale, ma sarebbe una battaglia di buon senso e pubblica utilità”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare