Bologna è chiamata a scegliere tra pubblico e privato: in mezzo 1.736 bambini

WhatsApp
Telegram

Red – A Bologna si voterà per il referendum sui finanziamenti del comune di Bologna, si parla di un milione di euro, alle scuole d’infanzia paritarie.

Red – A Bologna si voterà per il referendum sui finanziamenti del comune di Bologna, si parla di un milione di euro, alle scuole d’infanzia paritarie.

 
La querelle, finanziamento sì finanziamento no, va avanti da un po’, da quando cioè il comitato Articolo 33 ha cominciato a raccolgiere firme per indire il referendum alla cittadinanza, dopo aver vinto un ricorso che lo aveva bloccato. 
 
La convenzione con le paritarie è in atto dal 1994 e oggi fornisce posti per 1736 bambini con il milione di euro che ogni anno il Comune elargisce, mentre con gli stessi soldi  la paritaria comunale ne gestirebbe solo 145. Il problema è qui e divide la popolazione bolognese in due, insieme ai partiti: SEL e frillini sono favorevoli, il PD non ha assunto una posizione chiara ma sembra trascinato verso le paritarie dai gruppi di alleanza politica, tranne per qualche esponente, quindi diciamo che la scelta è lasciata alla persona.
 
Le scuole paritarie a Bologna sono 27 e il loro destino è affidato a due quesiti:“Quale fra le seguenti proposte di utilizzo delle risorse finanziarie comunali (…), ritieni più idonea per assicurare il diritto all’istruzione delle bambine e dei bambini che domandano di accedere alla scuola dell’infanzia?".
 
Si potrà scegliere tra la risposta A – utilizzarle per le scuole comunali e statali – o quella B – utilizzarle per le scuole paritarie private il giorno 26 maggio 2013.
 
Il risultato sarà decisivo per le sorti delle paritarie, che perdendo il contributo comunale, rischia di chiudere, ma soprattutto perderanno i bambini, perché il Comune non sarà in grado di accontentare i bambini di una lista d’attesa che risulterà infinita.
 
Chissà cosa decideranno i bolognesi; intanto ci chiediamo il perchè un ordine di scuola così importante non si ancosa stato reso obbligatorio. Mah!

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri