Boeri: quota 100, blocco requisiti per pensione anticipata e di vecchiaia costeranno 140 miliardi

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Proseguono i lavori del Governo per superare la legge Fornero, come testimonia l’annuncio del Vicepremier e Ministro del Lavoro, Luigi Di Maio (M5S).

Pensione anticipata: stop immediato aumento requisiti in base all’aspettativa di vita

Di Maio, come riferisce l’Ansa, ha dichiarato che ci sarà lo stop immediato dell’aumento dei requisiti, in base all’aspettativa, relativamente alla pensione anticipata.

I requisiti previsti per il 2019 sono i seguenti:

  • 43 anni e 3 mesi per gli uomini;
  • 42 anni e 3 mesi per le donne.

Qualora venisse attuato il blocco, come annunciato dal Vicepremier, i requisiti resteranno gli stessi previsti per il 2018:

  • 42 anni e 10 mesi per gli uomini
  • 41 anni e 10 mesi per le donne.

Pensione di vecchiaia

Nel 2019, si potrà andare in pensione con 67 anni d’età, quindi con l’aumento dovuto all’aspettativa di vita. Gli incrementi, tuttavia, dovrebbero fermarsi al 2019.

Costi

Secondo il presidente dell’Inps, Tito Boeri, le succitate riforme, insieme alla quota 100 con 62 anni d’età e 38 di contributi e alla proroga dell’opzione donna, costerebbero circa 140 miliardi in dieci anni:

Con il requisito minimo di 62 anni e 38 di contributi per l’accesso alla pensione – ha spiegato Boeri- con la proroga dell’ape sociale , con l’opzione donna, il mancato adeguamento dei requisiti contributivi per la pensione anticipata e il congelamento a 67 anni per la pensione di vecchiaia si avranno costi aggiuntivi di sette miliardi nel 2019, 11,5 miliardi nel 2020, di 17 miliardi nel 2021 e costi complessivi aggiuntivi nei primi 10 anni di 140 miliardi”.

Sin al 2046, ha proseguito il Presidente dell’Inps, si spenderanno 400 miliardi in più, dopo inizieranno i risparmi in quanto le persone saranno andate in pensione in anticipo e con assegni più bassi rispetto a quelli che avrebbero ottenuto andando a riposo con le regole attuali.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione