Boeri: “I fondi dell’Unione Europea devono andare alla scuola, sennò non teniamo uniti il Paese”

Stampa

“I fondi dell’Ue devono andare alla scuola o non teniamo unito il Paese”. È l’economista Tito Boeri a indicarlo in un’intervista a “La Stampa”.

L’ex presidente dell’Inps sottolinea che “l’istruzione è l’unico ascensore sociale e deve essere la priorità”. Sottolineando che, sul fronte della lotta al coronavirus, “il Governo ha tentennato troppo per poi annunciare le chiusura solo il 24”, Boeri assicura di “capire il dramma dei commercianti” ma si augura che “le riaperture dei negozi non provochino un ritardo per le scuole a gennaio”.

“In giro per il mondo – afferma Boeri – la scuola è considerata una priorità strategica. Da noi è avvenuto esattamente il contrario, prima si è pensato a ristoranti e discoteche, solo in seconda battuta a garantire l’istruzione a tutti”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur