Bocciato dal tribunale civile di Milano il ricorso dei genitori della prima elementare multietnica, formata da 15 stranieri su 17

di
ipsef

Giulia Boffa – Il caso della scuola di Via Paravia a Milano. I genitori hanno perso il ricorso che avevano istruito per salvare una classe di prima elementare formata da 15 bambini, ormai italiani, ma con genitori stranieri. E’ una classe ghetto, ha sentenziato il giudizio, e viola il 30% del tetto massimo previsto dalla legge per l’integrazione.

Giulia Boffa – Il caso della scuola di Via Paravia a Milano. I genitori hanno perso il ricorso che avevano istruito per salvare una classe di prima elementare formata da 15 bambini, ormai italiani, ma con genitori stranieri. E’ una classe ghetto, ha sentenziato il giudizio, e viola il 30% del tetto massimo previsto dalla legge per l’integrazione.

La zona di S.Siro è a fortissima immigrazione: le scuole materne sono piene di bambini figli di stranieri, ma nati qui, perfettamente integrati. I genitori dei bambini italiani non hanno nulla in contrario e lottano per mantenere aperta la loro scuola di quartiere, che ha un’eperienza decennale di integrazione con gli stranieri.

Anche quest’anno infatti il problema si ripresenterà, come nei prossimi anni, e i bambini di san Siro, immigrati ma italiani e i figli di italiani, richiano di perdere tutti insieme una scuola se le prime non verranno attivate.

Il provveditore Petralia si dice sostenitore delle classi multietniche, ma appoggia la sentenza, perchè deve essere salvaguardata l’integrazione degli stranieri, che non hanno bisogno di classi speciali, quindi si evince che non darà altre classi prime se i bambini di san Siro nati in italia, ma di etnia diversa, verranno considerati sempre stranieri.

Di diverso avviso è il consigliere provinciale del PD, Diana De Marchi, che contesta la sentenza che non sarebbe discriminatoria nei confronti degli stranieri che vanno integrati e non ghettizzati, ma intanto di questo passo si finirà col chiudere tutte le scuole a forte presenza di bambini con passato di immigrazione.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione