Bocciata a 7 anni, la famiglia fa ricorso al Tar: “Dad e rilevanti problemi di salute hanno limitato il rendimento”

WhatsApp
Telegram

Due genitori hanno fatto ricorso al Tar della Puglia in merito alla bocciatura della figlia, non ammessa alla terza classe della scuola primaria. I giudici amministrativi si sono riservati di decidere sul ricorso. 

I legali, nel ricorso, evidenziano che “la bambina ha dovuto affrontare il primo cruciale anno di scuola durante la pandemia, senza il contatto diretto con l’ambiente scolastico e con i propri maestri” ma solo “mediante didattica a distanza, filtrato da uno schermo e inficiato irrimediabilmente da un isolamento forzato”.

Poi in seconda classe, a causa di “rilevanti problemi di salute”, una patologia allergica e il Covid, l’alunna ha fatto varie assenze ma “la frequenza scolastica – sottolineano gli avvocati – non rileva ai fini della validità dell’anno scolastico nella scuola primaria di primo grado. La non ammissione non può risolversi in uno strumento punitivo, volto a sanzionare la scarsa frequenza scolastica”.

Così come segnala il Corriere del Mezzogiorno, i legali ritengono “evidente che la perdita di un anno scolastico in così tenera età e in difetto di gravi e giustificate ragioni, valutate alla luce dell’esclusivo interesse della minore, costituisce un grave danno. Una esperienza tanto traumatica danneggerebbe in maniera insanabile l’autostima della minore e incrinerebbe irrimediabilmente il rapporto di fiducia nei confronti dell’Istituzione scolastica”.

WhatsApp
Telegram

Adempimenti dei Dirigenti scolastici per l’avvio del nuovo anno scolastico: scarica o acquista il nuovo numero della rivista per Dirigenti, vicepresidi, collaboratori del DS e figure di staff