Boccia: “La diffusione del virus è capillare, occorre maggior rigore”

Stampa

“Non mi sono mai fermato. Sono fortunato perché sono stato asintomatico per tutto il periodo che sono stato positivo. C’e’ da pensare a chi non è fortunato”, a “quella percentuale minore che non è asintomatica e va difesa e va protetta”. Lo dice il ministro degli Affari regionali e le autonomie, Francesco Boccia

“Io ho avuto la fortuna di lavorare anche da casa, quindi i quindici giorni sono stati duri e intensi per il lavoro fatto non per il Covid”, aggiunge.

“Deve essere chiaro a tutti che quando la diffusione del virus è così capillare bisogna essere ancora più rigorosi” perché “è difficile fermarlo”.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia