Blitz neofascisti sede Repubblica ed Espresso, Gissi (Cisl): segno dell’ignoranza dei protagonisti

WhatsApp
Telegram

comunicato Cisl Scuola –  L’indegna gazzarra di un gruppetto di neofascisti davanti alla sede di Repubblica e dell’Espresso merita la più ferma condanna e si aggiunge ad altri episodi inquietanti, ultimo quello dell’irruzione nel centro di solidarietà a Como, che sollecitano attenzione e massima vigilanza a difesa di regole fondamentali della democrazia e del vivere civile.

Atteggiamenti violenti e intolleranti sono anche segno della profonda ignoranza di chi se ne rende protagonista; per questo, oltre alle azioni di contrasto e alle sanzioni che certi comportamenti meritano, si conferma ancora una volta che occorre far leva soprattutto su educazione e istruzione come fondamenta essenziali di una società libera e democratica. La scuola, luogo di formazione delle intelligenze e delle coscienze, è in questo senso risorsa decisiva per l’intera società; ma non può essere lasciata sola a reggere un impegno così gravoso, è l’intera comunità a doverla affiancare e sostenere.

L’ignoranza è anche molto spesso mancanza di memoria sulla nostra storia, sui suoi valori, sulle dolorose vicende che il nostro Paese ha dovuto attraversare prima di conquistare la democrazia e la libertà nelle forme disegnate nella nostra Costituzione. Temi che non dovrebbero mai ridursi a capitolo residuale e marginale nella formazione delle giovani generazioni.

Roma, 7 dicembre 2017

Maddalena Gissi, segretaria generale Cisl Scuola

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VIII ciclo 2023, diventa docente di sostegno: corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro, a richiesta proroga di una settimana