Bimbo precipitato a scuola, pm chiede rinvio a giudizio per collaboratrice scolastica e due docenti

Stampa

La Procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio per la bidella della scuola Pirelli di Milano in cui perse la vita un bambino di quasi 6 anni, precipitato nella tromba delle scale nell’ottobre 2019.

Nei giorni scorsi il gup di Milano Alessandra Di Fazio aveva respinto la proposta di patteggiamento per la donna, accusata di omicidio colposo, a 1 anno e 10 mesi e aveva ritrasmesso gli atti al pm Maria Letizia Mocciaro, che ora ha formulato la richiesta di processo.

Il procedimento dovrebbe a questo punto riunirsi con quello a carico delle due insegnanti dell’istituto, anche loro accusate di omicidio colposo e per le quali è stata fissata l’udienza preliminare per il 3 marzo davanti al giudice Elisabetta Meyer.

La mattina del 18 ottobre di due anni fa, il piccolo, tornando in classe da solo dopo essere stato alla toilette, salì su una sedia con rotelle lasciata in corridoio, si sporse dalla ringhiera e precipitò di sotto per tre piani. Trasportato in ospedale d’urgenza, morì dopo pochi giorni.

Stando all’indagine del pm Mocciaro e dell’aggiunto Tiziana Siciliano, le tre imputate avrebbero “cagionato la morte del bambino” per colpa “consistita in negligenza, imprudenza, imperizia e inosservanza delle norme”

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur