Bimbo precipitato a scuola, Fioramonti: risorse possono evitare le tragedie

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti a Radio Popolare ha commentato la morte del piccolo precipitato a scuola.

Questa legge di Bilancio – afferma Fioramonti – non ha dimostrato un impegno forte e discontinuo rispetto al passato, continuando a considerare l’istruzione una Cenerentola“.

Sulla morte del piccolo precipitato nella scuola milanese il ministro spiega: “E’ un giorno di lutto per la scuola, come ministro e come padre mi sento in colpa ogni volta che accade una tragedia simile. Si sta cercando di capire cosa è successo, ma quando queste tragedie avvengono in un contesto sottofinanziato per troppo tempo, con strutture non sempre a norma, insegnanti che hanno troppi studenti e personale di servizio molto spesso insufficiente, non si può fare a meno di pensare che queste tragedie si sarebbero potute evitare. Questo accadimento ci costringe a riflettere sull’importanza della scuola, che sia sicura, che le persone siano nelle condizioni di fare al meglio il loro mestiere. Purtroppo – prosegue Fioramonti- essere oggi un dirigente scolastico, un docente espone le persone a responsabilità che non sono accettabili, che non vengono neanche proporzionate al trattamento economico e alla normativa che li vede responsabili di cose che vanno oltre la loro responsabilità“.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione