Bimbi rifugiati accolti in una scuola del Bolognese: primo giorno per 12 studenti, saranno inseriti in 7 classi

WhatsApp
Telegram

“Benvenuto, benvenuto, benvenuto qui tra noi”. Gli alunni della scuola elementare Donini di San Lazzaro, alle porte di Bologna, accolgono così, cantando, 12 bambini ucraini in fuga dalla guerra.

Provenienti dal vicino hotel Unaway, che accoglie al momento circa 60 rifugiati, questa mattina si sono trovati zaini, astucci e libri, tutto l’occorrente per poter ricominciare a studiare, e l’affetto dei coetanei italiani, con tanto di bandiere gialloblu.

Sono “emozionati e anche un po’ impauriti – racconta la sindaca di San Lazzaro Isabella Conti, che li ha accompagnati – per loro è veramente un primo giorno di scuola a tutti gli effetti”. In tutto saranno 7 classi a ospitarli, mentre, annuncia la sindaca, “tra qualche giorno avremo l’inserimento nelle scuole dell’infanzia per i più piccoli”.

La scuola quindi come “strumento fondamentale perché aiuta i bambini a distrarsi”, dato che i primi giorni “piangevano e basta”, ricorda Conti. “Abbiamo spiegato loro che c’erano tanti amici che non vedevano l’ora di incontrarli e che si sarebbero sicuramente trovati bene”.

I bambini infatti “soffrono ma hanno capacità di guardare con speranza al domani, per cui la scuola è un pilastro che abbiamo voluto attivare immediatamente, perché attraverso l’amicizia con i compagni si curano anche delle ferite interiori, senza prescindere dall’assistenza psicologica e dalla rete di supporto”.

I piccoli, aggiunge il dirigente scolastico Giuseppe Santucci spiegando le modalità di inserimento, “saranno introdotti anche in un percorso didattico perché da quanto abbiamo capito le famiglie rimarranno qui sul territorio per diverso tempo, quindi non sarà un passaggio breve, purtroppo”.

WhatsApp
Telegram

Perché scegliere il Corso di Preparazione al Concorso per Dirigente scolastico di Eurosofia?