Bimba con aids esclusa da scuola. Il ministro Giannini promette: andrà in classe

WhatsApp
Telegram

Una scuola media statale in Campania non ha accettato una  bambina di 11 anni, disabile e malata di Aids.

Una scuola media statale in Campania non ha accettato una  bambina di 11 anni, disabile e malata di Aids.

Il ministro Giannini è intervenuta nella questione: "Quella bambina entrerà in classe nei prossimi giorni. E quella città della Campania darà tutte le possibilità per farla rientrare a scuola. E se il dirigente scolastico che ha rifiutato la sua iscrizione", lo ha fatto "non per un ritardo tecnico, ma per altro, allora pagherà per le sue responsabilità".

La bimba proviene da una famiglia che vive in condizioni di gravissima emarginazione sociale ed economica.  Aveva il sostegno scolastico per il suo ritardo psichico. 

Quando Francesca è entrata in questa famiglia, i genitori affidatari hanno iniziato a cercare una scuola, che l'ha prima accettata e poi rifiutata per la "paura irrazionale" del contagio. 

Più volte la mamma si è rivolta all'Usr, e il personale ispettivo chiamato in causa ha suggerito l'apprendimento a distanza, impedendo la frequenza scolastica della bambina.La famiglia ha chiesto che frequentasse solo tre ore al giorno, perché per lei entrare in una classe ogni giorno è importante.

Poi hanno scritto la lettera al ministro Giannini: "Oggi mi ha chiamato l'ispettrice dell'Ufficio scolastico regionale – spiega la donna – stupita e dispiaciuta per il clamore mediatico di questa vicenda, che lei considerava risolta. Adesso sta contattando i vari presidi delle scuole limitrofe e sicuramente qualcuno adesso sarà pronto ad accogliere questa bambina. Ma la violenza subita e l'offesa ai diritti non saranno cancellati facilmente".

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur