Legge di Bilancio, La Camera esamina gli emendamenti Anief per rilanciare Scuola, Università e Ricerca nell’anno del Covid

Stampa

Comunicato Anief – Anief ha presentato quasi 70 emendamenti alla Legge di Bilancio 2021 alla V Commissione della Camera. Sono molte le proposte specifiche per Scuola, Università e Ricerca che hanno come fine quello di affrontare l’emergenza Covid19.

LE RICHIESTE DEL SINDACATO

Le proposte sono state suddivise in sezioni e riguardano la fiscalità, gli organici e l’emergenza covid-19, il salario accessorio e la ricostruzione di carriera, la mobilità, il reclutamento e il precariato, il sostegno e la specializzazione, il welfare e il pensionamento, il personale Ata, educativo, insegnante di religione cattolica, scuole estere, concorso DS, interventi per l’università, la ricerca, l’alta formazione artistica, coreutica e musicale, relazioni sindacali. Il sindacato, per venire incontro a quanti ne hanno diritto nel particolare momento storico che stiamo vivendo, ha richiesto anche la sospensione delle tasse universitarie e detrazioni per i fuorisede, ma anche detrazioni per le spese del personale scolastico. Tra le proposte, anche maggiore impulso ai progetti esterni degli Enti di Ricerca. Il sindacato ha predisposto pure un elenco completo dei temi affrontati negli emendamenti.

 

IL PARERE DEL PRESIDENTE ANIEF

Secondo il leader dell’Anief, Marcello Pacifico, “questo è il momento più giusto per rilanciare la scuola e il settore tutto dell’Istruzione. Reputiamo sia un’operazione indispensabile per la crescita dei cittadini e dall’economia del paese, la cui importanza è chiara soprattutto in questa fase di emergenza sanitaria. Le nostre richieste intendono tutelare tutte le parti in causa, a partire dai lavoratori che rappresentiamo ai quali si continuano ad assegnare stipendi tra i più bassi d’Europa sebbene, proprio durante la pandemia, abbiano dimostrato un altissimo senso del dovere verso la professione e i loro studenti. Inoltre, tra le proposte presentate, auspichiamo il rilancio di settori strategici come l’Università, la Ricerca e l’Alta formazione”

IL TEMA DEI PRECARI INFINITI

Anief ha sempre cercato di risolvere il problema della supplentite, formata da moltissimi precari che, nonostante insegnino anche da decenni nelle nostre scuole, continuano a non poter avere accesso alla stabilizzazione. Non mancano dunque le proposte emendative pure per i precari che hanno svolto 36 mesi di supplenze anche non continuative all’interno della scuola con qualsiasi ruolo. Misure ad hoc ancora per le categorie spesso quasi dimenticate, come gli Ata, gli educatori, gli insegnanti di religione.

Con 250 mila supplenze annuali sottoscritte quest’anno e oltre la metà delle immissioni in ruolo saltate, l’Anief ha rilanciato delle istanze che in passato il Parlamento ha già adottato, come “la riapertura delle GaE”, autorizzata nel 2008 e nel 2012, “e l’avvio di corsi abilitanti aperti a tutto il personale che ha maturato 36 mesi di servizio. Questo è molto importante perché il doppio canale di reclutamento” va necessariamente avviato: “ce lo dice la Cassazione, la Corte Costituzionale italiana e l’Europa. Tra l’altro l’Anief su questo punto ha presentato all’UE dei reclami collettivi e a gennaio si avrà la risposta.

Stampa

Eurosofia. Acquisisci punteggio in tempi rapidi per l’aggiornamento Ata: corso di dattilografia a soli 99 euro. Iscriviti ora