Bilancio iniziale delle competenze docenti neoassunti e con passaggio di ruolo: il modello e come compilarlo

Stampa

Anno di formazione e prova per docenti neoassunti e docenti con passaggio di ruolo: il modello di Bilancio iniziale delle competenze messo a disposizione da Indire.

L’INDIRE sottolinea

“Il Curriculum formativo, il Bilancio iniziale delle competenze e il Patto formativo definiscono la traiettoria formativa del docente durante l’anno di prova e costituiscono utili indicazioni anche per il tutor affinché, in particolare durante la fase peer to peer, supporti il docente a comprendere meglio il proprio stile di insegnamento, a valorizzare i propri punti di forza e/o a potenziare quelli di debolezza.

Un’elaborazione accurata del Bilancioconsente al docente di:

  • auto-valutare le proprie competenze
  • individuare elementi sui quali far convergere l’attenzione del tutor;
  • predisporre una documentazione didattica chiara e coerente con i propri bisogni(dal Patto formativo ai Bisogni futuri);
  • conoscere le dimensioni della professionalità docente emerse dalla ricerca internazionale;
  • agevolare la preparazione della fase istruttoria curata dal tutor di fronte al comitato di valutazione (art. 13, DM 850/2015).

Il Bilancio iniziale non ha un carattere valutativo ma è pensato per supportare il docente in un personale processo di auto-valutazione

Come compilare il Bilancio iniziale

Per ciascun ambito viene richiesto di selezionare fino a un massimo di tre descrittori di competenza e di elaborare un testo di massimo 3.000 battute spazi inclusi, per motivare le ragioni della tua scelta e il livello di competenza percepito.

Per selezionare i descrittori di competenze puoi utilizzare i seguenti 3 criteri:

1.competenze non possedute che, però, si ritengono importanti e si vorrebbero acquisire;

2.competenze note, ma che di cui si vorrebbero approfondire alcuni aspetti;

3.competenze che si ritiene di possedere a un livello adeguato o nelle quali ci si percepisce come esperti.

il modello 2020/21

Docenti neoassunti, chi deve svolgere l’anno di prova e chi no. Chiarimenti

Cosa fa il docente neoassunto:

  • effettua 180 giorni di servizio, di cui 120 per le attività didattiche;
  • redige il bilancio delle competenze iniziali e finali;
  • definisce con il D.S. il patto per lo sviluppo professionale;
  • partecipa agli incontri propedeutici e di restituzione finale degli esiti;
  • partecipa ai laboratori formativi;
  • svolge con il tutor le ore del peer to peer
  • accede alla formazione on line e predispone il portfolio professionale;
  • sostiene il colloquio dinanzi al Comitato di Valutazione.

Stampa

Eurosofia. Acquisisci punteggio in tempi rapidi per l’aggiornamento Ata: corso di dattilografia a soli 99 euro. Iscriviti ora