Biblioteche scolastiche nella società dell’informazione: un esempio di regolamento organizzativo

WhatsApp
Telegram

Le biblioteche scolastiche esistono nella maggior parte dei Paesi e delle regioni del mondo, ma si trovano a diversi stadi di sviluppo. La storia delle biblioteche scolastiche può essere fatta risalire al tempo in cui libri e altre fonti scritte venivano utilizzati per integrare l’insegnante e il libro di testo nella distribuzione della conoscenza. L’integrazione generale della biblioteca scolastica e delle sue fonti nel curricolo è, tuttavia, molto più recente e si è sviluppata a partire da due fattori principali, vale a dire il cambiamento della metodologia educativa basata sulla ricerca sull’apprendimento degli studenti e un aumento della disponibilità di informazioni che può essere utile in ambito educativo.

L’unicità dell’individuo e gli obblighi del sistema educativo

Il cambiamento della metodologia educativa pone al centro l’unicità dell’individuo e gli obblighi del sistema educativo per soddisfare i bisogni dell’individuo. Un programma di biblioteca scolastica diventa essenziale quando tale filosofia viene utilizzata come principio guida per le attività educative. Una biblioteca scolastica con una ricca varietà di fonti è un prerequisito per l’arricchimento del curriculum e gli sforzi sistematici per soddisfare le esigenze del singolo studente.

L’esplosione informativa

La cosiddetta “esplosione informativa” è un fenomeno che ha influenzato anche le finalità e le finalità dell’educazione. In un mondo saturo di informazioni, ogni individuo ha bisogno e utilizza una ricchezza di informazioni. La scuola dovrebbe preparare gli studenti a diversi ruoli nella società e, di conseguenza, in un mondo in cui l’informazione sta diventando una delle merci più importanti, la scuola deve preparare studenti con capacità di gestione delle informazioni per facilitare il loro uso attuale e futuro delle informazioni. La biblioteca scolastica svolge un ruolo essenziale nell’aiutare gli studenti a sviluppare i concetti di recupero delle informazioni e nell’acquisire le competenze per gestire e gestire le fonti di informazione.

Il ponte tra la scuola e la società

La biblioteca scolastica è un deposito di informazioni all’interno della scuola, organizzata in modo simile ad altre istituzioni che hanno lo stesso scopo. La biblioteca scolastica, quindi, funge da ponte tra la scuola e la società, portando una maggiore conoscenza nella scuola al fine di fornire sfide alla mente curiosa dei giovani. Lo scopo principale della biblioteca scolastica è fornire e sfruttare informazioni organizzate per aiutare ad ampliare la base di conoscenze di ogni singolo studente e per preparare gli studenti con capacità di gestione delle informazioni per aiutarli a cercare e utilizzare le informazioni nella loro vita futura.

La disponibilità di fonti online attraverso le reti informatiche

Il cambiamento più drastico nello sviluppo delle competenze informatiche negli ultimi anni è la disponibilità di fonti online attraverso le reti informatiche, un fatto che comporta il potenziale per un cambiamento in tutti i trasferimenti di informazioni. Attraverso i punti di accesso in ogni scuola, i bambini e, più in là negli anni, i ragazzi, hanno accesso a una varietà quasi infinita di fonti di informazione. Nessuna biblioteca scolastica è più limitata alle fonti che la scuola è riuscita ad acquisire tramite l’acquisto. Le biblioteche scolastiche stanno diventando centri di smistamento delle informazioni all’interno della scuola e come tali cambieranno e adegueranno costantemente il loro ruolo di catalizzatori nella società dell’informazione.

Il ruolo mutevole dei docenti con funzioni di bibliotecari scolastici

Il Manifesto Unesco sulle biblioteche scolastiche del 1980 afferma che per raggiungere gli obiettivi delle biblioteche scolastiche uno dei requisiti fondamentali è “personale con qualifica professionale in materia di istruzione e biblioteconomia, coadiuvato da personale di supporto sufficiente”. Il documento Unesco Le Linee guida per le biblioteche scolastiche suggerisce quattro tipi di personale nelle biblioteche scolastiche: docente con competenze professionali, tecnico, impiegato ATA e volontario (genitori, alunni più grandi). Nel documento di cui parliamo non sono stati delineati titoli di studio specifici per ciascuna tipologia di personale. Va inoltre tenuto presente che solo nei sistemi bibliotecari scolastici meglio sviluppati esiste una tale divisione del lavoro e più frequentemente sono una o due persone responsabili di tutte le operazioni della biblioteca scolastica.

Il mondo sta rapidamente entrando in un’era di rivoluzione tecnologica: serve investire in formazione

Il mondo sta rapidamente entrando in un’era di rivoluzione tecnologica in cui la tecnologia dell’informazione è parte integrante dei cambiamenti sociali. Il facile accesso a una varietà di fonti richiede una revisione della formazione dei bibliotecari scolastici in modo che siano in grado di pianificare e insegnare le nuove abilità di gestione delle informazioni con gli insegnanti per gli studenti. Questa formazione può essere svolta come componente del programma educativo di base per i nuovi bibliotecari scolastici, e per coloro che già lavorano è importante offrire una varietà di corsi attraverso la formazione continua. I bibliotecari scolastici devono cambiare i metodi di insegnamento per le abilità informative nelle scuole per includere le capacità di far fronte all’enorme quantità di informazioni disponibili per ogni individuo attraverso questi nuovi canali.

Bibliotecari scolastici: linee guida per i requisiti di competenza

Nonostante le variazioni esistenti, le prime linee guida delineavano tre componenti generali essenziali per lo sviluppo e il funzionamento di programmi efficaci per le biblioteche scolastiche, vale a dire studi sull’informazione, gestione e istruzione.

E più esattamente:

  • Gli studi sull’informazione sono una componente essenziale per la selezione, l’organizzazione e l’utilizzo delle informazioni e delle idee registrate dalla società;
  • La gestione comporta la responsabilità dell’amministrazione e delle operazioni quotidiane della biblioteca scolastica e del suo personale;
  • L’istruzione indica l’interfaccia con gli insegnanti della classe nei loro ruoli didattici per sviluppare utenti efficaci dell’informazione.

Il nuovo documento

Il nuovo documento comprende diverse sezioni:

  • In primo luogo, c’è una presentazione schematica delle competenze essenziali, delineando i principali fattori che supportano le funzioni dei bibliotecari scolastici e allo stesso tempo lo schema rafforza l’interazione tra ciascuno di questi fattori.
  • In secondo luogo, c’è una spiegazione dettagliata di ciascuna delle funzioni elencate nella presentazione schematica. Lì vengono brevemente spiegate le funzioni che i bibliotecari scolastici svolgono nelle scuole. Come continuazione di queste definizioni, sono elencate le competenze, le conoscenze e le abilità necessarie per svolgere ciascuna di queste funzioni in modo efficiente.
  • In terzo luogo, il documento include un elenco di controllo delle competenze, che è incluso per una rapida valutazione dei programmi esistenti o come quadro iniziale per uno nuovo.

Scuole piccole e i docenti diventano bibliotecari

In molte scuole il numero di studenti è troppo piccolo per sostenere un bibliotecario scolastico a tempo pieno. Per fornire agli insegnanti interessati le informazioni di base necessarie per fornire i servizi di una biblioteca scolastica.

La biblioteca

La biblioteca è un bene a disposizione di tutta la comunità scolastica e del territorio su cui risiede un Istituto – come si legge nell’ottimo “Servizi e Regolamento della biblioteca” dell’Istituto Professionale di Stato per i Servizi di Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera “Pietro Piazza” di Palermo, ancora una volta preso come esempio di eccellente scuola, guidato con grande capacità manageriale dal dirigente scolastico prof. Vito Pecoraro.

Sottolinea il “Servizio e Regolamento della biblioteca ” eccellentemente predisposto dall’Istituto Professionale di Stato per i Servizi di Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera “Pietro Piazza” di Palermo che “in essa sono conservati i libri che contengono parte di quel sapere umano che può garantire un’opportunità di crescita morale, per tutti. Il servizio è gratuito e ciò significa che il rispetto per ciò che vi si trova deve essere attento e preciso.
Essa è un luogo dinamico della cultura, per le opportunità che offre; è un luogo di integrazione sociale e di dialogo multiculturale; inoltre, è un luogo didattico tra pari perché, in essa, ognuno può mettere a disposizione degli altri il proprio sapere”.

Come articolare i servizi

è lo stesso regolamento a fornirci un esempio autorevole di articolazione dei servizi.

La biblioteca offre i seguenti servizi:

  • prestito (massimo 30 giorni);
  • comodato d’uso dei libri di testo (da restituire entro il mese di giugno)
  • consultazione (su segnalazione dell’insegnante dell’ora);
  • laboratorio aperto alle singole classi (con un numero limitato di alunni/e), per
  • attività di ricerca e/o confronto su temi di interesse sociale;
  • confronto insegnanti – alunni/e (con un numero limitato di discenti) su temi scelti dagli allievi;
  • laboratorio di condivisione (lettura di testi scelti dai docenti o dai/le discenti)

Regolamento per l’uso della biblioteca d’istituto

Ma leggiamole le norme elencate con molta accortezza e semplicità organizzativa dal “Servizi e Regolamento della biblioteca” dell’Istituto Professionale di Stato per i Servizi di Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera “Pietro Piazza” di Palermo, che alleghiamo come esempio da imitare.

Tutti gli utenti sono chiamati a rispettare le seguenti regole affinché il servizio messo a disposizione possa garantire pari opportunità di crescita per tutti:

  • il rispetto per tutti coloro che operano nella biblioteca (docenti, alunni, personale Ata);
  • prima di entrare è opportuno bussare alla porta;
  • è consentito l’accesso contemporaneo a un massimo di due persone;
  • se vi sono delle attività in corso, è assolutamente vietato entrare;
  • è obbligatorio indossare la mascherina e mantenerla per tutto il tempo in cui si resta in biblioteca e rispettare la distanza di sicurezza tra le persone presenti;
  • i testi che si consultano o che si prendono in prestito devono essere mantenuti nel loro stato ed è obbligatorio non scarabocchiarli;
  • i testi in prestito, al momento della restituzione, verranno custoditi in un armadio dedicato per un periodo di settantadue ore;
  • dopo qualsiasi attività è opportuno lasciare il locale come lo si è trovato, in ordine e pulito;
    i tavoli e le scrivanie messi a disposizione devo essere mantenuti nello stesso stato in cui sono stati trovati;
  • il ricevimento degli utenti può avvenire solo in presenza degli/le addetti/e incaricati/e dalla Presidenza, secondo l’orario affisso alla porta e in sala docenti;
  • le eventuali attività laboratoriali devono essere concordate con i/le docenti incaricati/e dalla Presidenza;
  • i/le docenti/e interessati/e all’eventuale uso della biblioteca, quale spazio laboratoriale, dovranno prenotare, almeno un giorno prima e concordare dette attività con il personale addetto alla biblioteca.

Servizi e Regolamento Biblioteca

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur