Biblioteche scolastiche innovative, 10.000 euro per ogni scuola. ​Un webinar ti spiega come presentare la domanda in modo semplice e veloce

di redazione

OS.it consiglia Mediadirect – oltre a fornirti molti spunti utili da cui partire. Vuoi portare nuove risorse e materiali nella tua scuola?

OS.it consiglia Mediadirect – oltre a fornirti molti spunti utili da cui partire. Vuoi portare nuove risorse e materiali nella tua scuola?

Il bando Biblioteche Scolastiche Innovative può essere l’ultima soluzione che ci offre quest’anno scolastico e una serie di webinar gratuiti e dedicati ti spiegheranno come presentare la domanda con facilità.

L’opportunità di finanziamento è stata annunciata con l’avviso prot. n. 7767 del 13 maggio 2016, che si riferisce all'Azione #24 del Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD), con il quale il MIUR propone un modello di biblioteca scolastica come centro di attività, di servizi e di funzioni, in cui il libero accesso alla pluralità delle diverse risorse disponibili, cartacee e digitali, è prioritario unitamente alle iniziative che sviluppino il pensiero critico.

La procedura per accedere al bando è molto semplice, richiede pochi minuti, scade il 14 luglio e ci sono ben 10.000€ a disposizione per la tua scuola. Sono ammesse alla procedura le istituzioni scolastiche ed educative statali di ogni ordine e grado.

All’interno del progetto possono rientrare arredi, tablet, eReader, ma anche dispositivi più innovativi per la produzione di contenuti e lo sviluppo della cosiddetta digital literacy, termine con il quale si indica l’alfabetizzazione digitale in senso esteso, come competenza non solo nell’utilizzo dei dispositivi ma anche nel reperimento delle fonti, nella produzione di testi, video, attività, nell’uso multiforme e consapevole della digitalità.

Quest’anno i progetti avviati per le scuole sono stati tanti e sicuramente hanno richiesto un lavoro extra ingente al personale scolastico, ma i fondi servono, arrivano dopo un paio d’anni di stasi nei finanziamenti e soprattutto, in questo caso, sono veloci da ottenere. La domanda si compone infatti di appena due pagine da compilare e non richiede un elenco specifico di materiale, ma una semplice idea del progetto che si intende realizzare.

Inoltre non è necessario disporre di un ambiente dedicato per partecipare, la biblioteca intesa dal progetto è una risorsa più digitale, potenziale, che fisica. Ecco allora che lo spazio ad essa dedicato potrà essere ricavato in un corridoio, un vano di disimpegno, un atrio troppo grande e inutilizzato, un ambiente prima inutile ed ora stimolante, multiforme, arricchito da nuovi strumenti a disposizione non solo degli alunni ma anche, eventualmente, del territorio.

Se non hai le idee chiare su quello che potrebbe rientrare nel progetto ci sono una serie di webinar gratuiti e dedicati, in cui verranno presentate brevemente tutte le soluzioni pratiche che possono rientrare nel progetto, punto per punto.

Si parlerà di spazi che invogliano alla lettura, storytelling, produzione video, digital literacy, digital landing.

Gli appuntamenti previsti sono tre per adattarsi alle esigenze di ognuno:

28 giugno 2016 – 15:00-16:00

6 luglio 2016 – 17:00-18:00

11 luglio 2016 – 16:00-17:00

Per iscriversi basta cliccare sulla data d’interesse a questo link.

L’iscrizione garantirà anche di ricevere le slide utilizzate e la videoregistrazione del webinar entro 24 ore dalla data di trasmissione in diretta.

Versione stampabile
Argomenti: