Bibliopride il 13 ottobre: buona festa dai docenti utilizzati nelle biblioteche

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

Coordinamento Provinciale Docenti Utilizzati – Salutiamo con affetto e con orgoglio i colleghi bibliotecari, gli operatori culturali, gli scrittori e gli intellettuali, che oggi partecipano a questa importante manifestazione organizzata dalla Associazione Italiana Biblioteche.

Coordinamento Provinciale Docenti Utilizzati – Salutiamo con affetto e con orgoglio i colleghi bibliotecari, gli operatori culturali, gli scrittori e gli intellettuali, che oggi partecipano a questa importante manifestazione organizzata dalla Associazione Italiana Biblioteche.

Ci presentiamo: siamo I Docenti Idonei ad altri compiti per motivi di salute, utilizzati, proficuamente, nelle Biblioteche Scolastiche.

Non possiamo essere qui con Voi perché impegnati nelle scuole.

Molti di Voi sicuramente sono a conoscenza del fatto che, in seguito all’approvazione della L. 135 , una legge che rasenta l’incostituzionalità, saremo COATTIVAMENTE inseriti nelle segreterie scolastiche, demansionati, e dequalificati con un passaggio dal 6°/7° livello lavorativo ad un 4° livello.

Tale iniquità, mai riscontrata in precedenza in alcun settore della Pubblica Amministrazione, porterà, conseguentemente ed inevitabilmente, alla chiusura delle Biblioteche Scolastiche.

Rispetto al passato, dal 2003 ad oggi, il ruolo del Docente Bibliotecario, pur non essendo stato, malgrado le ripetute richieste, istituzionalizzato, è positivamente cambiato divenendo più completo con l’acquisizione di ulteriori e più dettagliate competenze.

Attualmente, infatti, la maggior parte delle “nostre” Biblioteche, è inserita nel Sistema Bibliotecario Nazionale, garantisce un servizio sia all’utenza interna (alunni, docenti, personale ATA) sia all’utenza esterna, per 36 ore settimanali, pomeriggi compresi.

Il nostro stesso Ministero, il MIUR e le nostre Regioni tramite la collaborazione degli Uffici beni culturali, ci hanno consentito, negli anni, di frequentare corsi di formazione e di approfondimento relativi alla gestione della Biblioteca e mirati all’acquisizione degli strumenti, delle conoscenze informatiche e delle competenze necessari allo svolgimento del lavoro nelle Biblioteche. Le nostre pregresse esperienze di Docenti derivanti dall’ insegnamento curriculare, la nostra cultura personale, la conoscenza delle varie modalità di approccio, anche psicologico nei confronti degli alunni, ci aiutano a trasmettere, nel modo migliore e a stimolare, adeguatamente, negli stessi, l’educazione e l’amore per la lettura.

Ciononostante, oggi, si vuole eliminare la nostra figura, diventata un’autentica risorsa all’interno delle diverse istituzioni scolastiche, e conseguentemente le Biblioteche Scolastiche, i centri culturali e di ricerca la cui CHIUSURA , seppur garantirà un minimo risparmio, renderà il nostro paese più povero di cultura e di civiltà.

Ci chiediamo: che fine faranno i 10 milioni di libri e il materiale informatico che abbiamo iniziato a conservare??

Il decreto attuativo relativo alla su citata Legge 135 non é stato ancora firmato dai ministri competenti. Ma, malgrado ciò, nel clima di confusione generale, molti Dirigenti Scolastici ed alcuni Direttori Amministrativi (DSGA che non dovrebbero assolutamente interferire nell’aspetto didattico) stanno, arbitrariamente, utilizzando i nostri colleghi nelle segreterie e procedendo a smantellare le biblioteche o a ridurne il servizio!

Recentemente abbiamo riscontrato, con gioia, un interessamento alla nostra situazione da parte dell’ AIB e del suo presidente Parise che ci ha dimostrato la sua solidarietà inviando una lettera di sostegno per il mantenimento del nostro ruolo al Presidente della Repubblica. Con altrettanto piacere abbiamo conosciuto, nel corso di una manifestazione dei Docenti Idonei ad altri compiti , svoltasi a Roma lo scorso 24 Agosto, la Dottoressa Luisa Marquardt referente per l’AIB delle Biblioteche Scolastiche che ci ha portato la solidarietà di Voi colleghi.

Attraversiamo un momento di grande difficoltà che richiederebbe, da parte del nostro governo, non risparmi sulla cultura, bensì un intervento energico ed efficace atto a promuovere la cultura e la formazione dei nostri giovani soprattutto attraverso la fruizione dei servizi offerti dalle Biblioteche Scolastiche.

Noi Docenti Utilizzati nelle Biblioteche Scolastiche continueremo a lottare, a livello politico e sindacale, e a chiedere la Vostra solidarietà per garantirci la prosecuzione di un percorso professionale costruito con fatica ma che ci riempie ogni giorno di soddisfazioni e di orgoglio.

Siamo qui presenti idealmente e Vi salutiamo affettuosamente con la speranza di essere presenti, in futuro, alle vostre iniziative con un ruolo riconosciuto.

Buona festa.

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario infanzia e primaria incontri Zoom di supporto al superamento della prova scritta. Affidati ad Eurosofia