Bianchi sul metodo “Bimbisvegli”: “Stiamo monitorando quanto emerso”

WhatsApp
Telegram

Il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, interviene a Montecitorio durante il Question Time per rispondere ad un’interrogazione in merito al progettivo educativo “Bimbisvegli”

“La sperimentazione di iniziative innovative va autorizzata. Da quanto risulta a noi allo stato attuale la Direzione Generale del Ministero non è stata interpellata ad esprimere il proprio parere tecnico sul cosiddetto metodo ”Bimbisvegli”. Quindi la attendiamo”.

“Le proposte relative ad esperienze innovative – ha ricordato Bianchi – possono essere comunque segnalate
a Indire, che è la nostra agenzia, che segue e sostiene il Movimento avanguardie educative, pensato proprio per diffondere le pratiche e i modelli educativi più significativi e avanzati”.

Secondo quanto riferito al Ministero dall’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte, ha aggiunto Bianchi “l’esperienza didattica ”Bimbisvegli”, che non appare in contrasto con l’ordinamento vigente e con i principi sottesi alle ”Indicazioni nazionali”, non è stata inserita dai competenti organi collegiali nel ”Piano triennale
dell’offerta formativa” della scuola, passaggio necessario a rendere stabile e condivisa questa esperienza. In ogni caso, al docente – che, per inciso, speravo di poter incontrare a Valdobbiadene, dove sono stato – è stata lasciata la libertà di adottare, nell’ambito delle proprie attività, la strategia didattica ritenuta più opportuna, così come ai colleghi la facoltà di scegliere un tale movimento educativo”.

“L’Ufficio scolastico regionale del Piemonte – ha proseguito il Ministro – ha, quindi, invitato la dirigente e gli organi collegiali a valutare nuovamente la possibilità di fare segnalazione dell’iniziativa al citato Movimento avanguardie educative e, soprattutto, a supportare gli insegnanti che adottano tale approccio didattico a presentarlo allo stesso Collegio dei docenti, corredato da una dettagliata progettazione del percorso che ne evidenzi i traguardi di competenza per ogni classe, i criteri per la valutazione, la scansione temporale degli apprendimenti, gli accordi per le attività outdoor su fondi privati, l’approccio didattico, le modalità e le regole per la condivisione degli spazi. Quindi, i parametri che a noi servono.In ultimo, rispetto al docente da lei menzionato, che come le ripeto io speravo di incontrare direttamente a Valdobbiadene, le comunico che questi è al momento assente dal servizio per ragioni previste dal Contratto Collettivo Nazionale di lavoro”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur