Bianchi ribadisce: “No tamponi gratis ai docenti no vax”. 2 miliardi per il rientro in sicurezza

Stampa

“Non ci saranno tamponi gratis ai No vax, andremo incontro solo a chi non può vaccinarsi per motivi di salute”. Così il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi in un’intervista a “Il Messaggero”,  sui tamponi agli insegnanti.

Il ministro assicura “a settembre si torna in presenza. Il governo sta lavorando da mesi per questo obiettivo – sottolinea – stiamo attivando un Piano per le classi numerose, con oltre 400 milioni a disposizione fra edilizia scolastica e misure per dare più personale per il rafforzamento delle competenze”. 

Sulla riapertura aggiunge: “Dall’inizio del mandato di questo governo abbiamo investito 2 miliardi di euro per il rientro in sicurezza. Abbiamo messo già 300 milioni di euro nel primo decreto sostegni, cui si aggiungono le risorse stanziate con il sostegni-bis: 410 milioni dati direttamente alle scuole per affrontare l’emergenza sanitaria, 500 milioni per il trasporto scolastico, 400 milioni per assumere insegnanti e personale per il potenziamento delle competenze e altre risorse, 270 milioni, che andranno agli enti locali per interventi di edilizia leggera o per noleggiare spazi sostitutivi per la didattica”.

E sulla didattica a distanza “è stato lo strumento a disposizione dei nostri insegnanti per restare in collegamento con studentesse e studenti nei momenti più gravi della pandemia. Certamente ha acuito difficoltà e disuguaglianze già presenti nel nostro sistema scolastico, ma l’eredità che lascia è comunque un patrimonio di esperienze, anche innovative, che non dobbiamo cancellare”.

Stampa

Eurosofia avvia il nuovo ciclo formativo: “Coding e pensiero computazionale per la scuola del primo ciclo”