Bianchi si appella ai docenti non ancora vaccinati: “Fatelo per senso di solidarietà e di comunità”

WhatsApp
Telegram

“Lavoriamo per la scuola in presenza, senza se e senza ma. Avete la mascherina, ma si vede che siete contenti. La scuola d’estate rappresenta la voglia di stare in comunità”.

Così il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, a margine della sua visita a Bergamo. La visita è una delle tappe del ministro nelle scuole che stanno partecipando al Piano Estate.

Non è mancato un appello “al senso di solidarietà e di comunità” rivolto i docenti che non si sono ancora vaccinati: “Non c’è un obbligo di vaccinazione ma a tutti ricordo l’articolo 2 della Costituzione, che riconosce i diritti individuali ma anche la inderogabile necessità e dovere della solidarietà, che deve spingere tutti ad avere il senso di solidarietà. Anche se con il massimo delle cautele che evitino il rischio di una nuova ondata. Mi rivolto a tutti, alla famiglie, ai ragazzi perché abbiano un senso di solidarietà collettiva. La scuola d’estate rappresenta la voglia di stare in comunità”.

Obbligo vaccinazione per docenti e ATA reticenti, Miozzo: “Sì, se ti puoi vaccinare e ti rifiuti, non puoi andare in classe”

Sempre il 15% in tutto il territorio nazionale rimane in attesa della prima dose. L’85% si è vaccinato, ma la situazione è a macchia di leopardo. Accelera la Sardegna (scorsa settimana con meno più del 40% del personale ancora da vaccinare, ora è poco sopra il 30%). Male la Sicilia, lontanissima da una percentuale importante: il 43% del personale scolastico è ancora in attesa della prima dose.

I dati regione per regione

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur