Bianchi: “Il PNRR sarà strumento importante per fare una scuola nuova” [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

Il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, è intervenuto al convegno realizzato dalla Flc Cgil sulla valutazione: “I dati non devono governare le scelte, ma devono essere un supporto. La valutazione delle attività svolte in ambito educativo deve essere realizzato in piena collegialità”.

E ancora: “Il PNRR sarà strumento importante per fare una scuola nuova. Sulla valutazione è necessario fare una riflessione”.

“Autonomia e sistema nazionale sono i due perni su cui ci dobbiamo muovere, avendo chiaro che occorrono strumenti di valutazione” ma anche avere “la cautela” di dare agli strumenti “il loro effettivo scopo”.

“Io non ho mai pensato di poter influire sui risultati Invalsi, e anche i miei predecessori gli hanno dato un carattere di terzietà”, inoltre “tutti hanno colto che i parametri che sono stati usati non potevano essere assurti a valori generali. Usiamo le cose per quello che sono”, ha sottolineato Bianchi, per il quale però, se da un parte ci sono l’autonomia e la valutazione “collegiale”, dall’altra “c’è bisogno di strumenti che ci diano una percezione complessiva di come funziona il sistema nel suo insieme, dove sono disparità e fragilità”, che “dobbiamo accogliere come spia di un malessere che va valutato con altri strumenti”.

In generale, secondo Bianchi, quindi “abbiamo bisogno dei dati ma vanno presi con molta attenzione, avendo presente a cosa servano e qual è il cotesto in cui sono stati raccolti. Non c’è da parte mia il mito del dato di per sé, né sono convinto che debbano governare le scelte: sono un supporto”.

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso: con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO