Bianchi: la Dad non è demonio ma opportunità. Ragazzi e insegnanti in questi lunghi mesi hanno lavorato

Stampa

“In questi mesi noi abbiamo detto ‘ah la presenza!’, ‘ah la dad!’ come se la Dad fosse il demonio. No la Dad è la capacità dei ragazzi di usare nuovi strumenti. È l’animo che deve essere aperto”. Così il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi intervenendo alla cerimonia di premiazione del progetto “Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione” a Montecitorio.

“L’altra cosa che abbiamo visto è che – ha proseguito – in questi lunghi mesi i nostri ragazzi hanno lavorato, i nostri insegnanti hanno lavorato. Non è stato l’inverno del nostro scontento, è stato un lungo periodo in cui sono cresciute delle piantine nuove e spetta noi aiutare loro per far sì che queste piantine diventino alberi, diventino anche il Paese nuovo. Grazie veramente a tutti i nostri ragazzi che ci hanno insegnato come i valori della Costituzione sono materia viva della nostra vita quotidiana e come nella massima difficoltà il nostro Paese è capace di reagire ripartendo dalle scuole e ripartendo dall’idea che stiamo lavorando insieme per il nostro Paese”.

“Oggi abbiamo imparato che la scuola c’è, è viva ed è di sana e robusta Costituzione”, ha concluso

2 giugno, Bianchi: “La Costituzione rimane, anche nei momenti più difficili, il nostro punto di riferimento, la nostra strada maestra”

Stampa

Personale all’estero: preparati al colloquio!