Bianchi: “Apprendimenti? Non si risolve tutto negli ultimi venti giorni di giugno. Serve riaprire in presenza” [VIDEO]

Stampa

“Sono assolutamente convinto che serva riprendere la scuola in presenza, a partire dalle aree periferiche ma c’è un ruolo rilevante delle Autonomie, il calendario lo fanno le Regioni”. Così il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, durante il suo intervento al Senato per il Recovery Plan.

“Dobbiamo riportare i più piccoli in presenza e soprattutto lavorare in vista del prossimo anno scolastico, dobbiamo andare ad un innalzamento della qualità dell’offerta didattica complessiva, spero di avere risorse per interventi sostanziali per garantire un ponte in vista del prossimo anno scolastico: il problema degli apprendimenti non si risolve negli ultimi 20 giorni di giugno”, conclude.

ISCRIVITI al canale You Tube di Orizzonte Scuola

Bianchi annuncia: “Ad oggi vaccinato il 44,3% dei docenti. La Puglia è la Regione che ha vaccinato di più”

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur