Bianchi: il 99,28% dei docenti è vaccinato. Pacifico (Anief): i numeri confermano che non c’era motivo d’introdurre l’obbligo di Green Pass e vaccinazione, i 5mila prof sospesi vanno reintegrati

WhatsApp
Telegram

Durante la conferenza stampa svolta a Palazzo Chigi per illustrare le misure di contrasto alla diffusione del Covid19, il ministro dell’Istruzione ha detto che “il numero dei docenti sospesi perché assenti a partire dal 15 dicembre più di 4 giorni senza motivazione, ovvero quelli che hanno deciso di non vaccinarsi, ad oggi rappresentano lo 0,72%. Questo dà il senso di responsabilità dei nostri docenti”.

Marcello Pacifico, presidente Anief, commenta: “Le percentuali bulgare di vaccinati tra il corpo insegnante italiano dimostrano però anche che non c’era alcun motivo per obbligare i lavoratori a presentarsi a scuola con il Green Pass prima e con il certificato di vaccinazione dopo: avere imposto entrambi costituisce un ulteriore esempio del poco rispetto dell’Italia verso l’applicazione delle direttive dell’Unione europea”.

Il nostro Paese – continua il sindacalista autonomo – si ricorda evidentemente di stare nell’UE solo in alcune circostanze e non stiamo contrastando questa politica individualista e poco europeista da oltre dieci anni, cercando di tutelare i diritti calpestati dei lavoratori, a iniziare da quelli dei precari. A questo punto, considerando che tra gli insegnanti abbiamo raggiunto l’immunità, il Governo prenda atto del fallimento e cancelli l’inutile obbligo di vaccinazione, contro il quale noi abbiamo fatto ricorso, perché mantenendolo si umilierebbe solo la categoria, senza effetti sui contagi: i virologi hanno infatti detto più volte che non andavano riaperte, e se il professore Massimo Galli ora ritiene che nelle prossime settimane dovranno chiudere ugualmente per l’elevato numero di infezioni non si può fare finta di nulla”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur