Bianchi: gli alunni in Dad non sono discriminati. Anief in disaccordo: li avete esclusi dalle classi perché non avete attivato il distanziamento fisico

WhatsApp
Telegram

Anief – Secondo il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, mandare in Dad gli alunni non vaccinati non è discriminante “perché è coerente con il punto fondante con cui abbiamo affrontato la pandemia fin dall’inizio: la sicurezza viene dalla vaccinazione”. Il ministro ha aggiunto che il Governo ha “la massima attenzione per i nostri bambini, ma il messaggio che abbiamo dato è indirizzato in modo responsabile ai loro genitori: richiamiamo tutti a una responsabilità collettiva alla quale le famiglie non possono sottrarsi”.

Pronta la replica di Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief: “Mi preme ricordare al ministro Bianchi che il diritto costituzionale all’istruzione in una scuola senza barriere, senza discriminazioni e libera, vale per tutti gli alunni italiani, con o senza vaccino. Inoltre, esiste una differenza profonda tra raccomandare e obbligare: se si lasciano a casa gli alunni non vaccinati non è per la loro salute ma per l’incapacità dei Governi degli ultimi due anni di garantire lezioni in classe in sicurezza; e non è il vaccino che protegge dall’attuale variante Omicron, ma quel distanziamento fisico che nessuno ha voluto far rispettare dalla variante Delta”.

“Quando un milione e 300mila studenti seguono le lezioni in didattica digitale integrate – continua Pacifico – sono certamente discriminati: poi possiamo anche aggiungere che in qualche modo possono partecipare alla lezione e che siano salvi, ma sempre esclusi sono. È la stessa logica distorta che ha portato a sospendere il personale che non si è fatto somministrare il vaccino: in Germania, Inghilterra e Stati Uniti, nel frattempo, l’obbligo vaccinale è caduto persino per il personale sanitario. credo proprio che sia ginto il momento di cancellare le restrizioni ora anche in Italia”, conclude il presidente Anief.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur