Bianchi contro le classi pollaio: “Sto cercando di fare sì che non ci siano aule da 28 studenti”

Stampa

 “Il tema classi sovraffollate, classi pollaio, è frutto di una scelta fatta in passato: sono stati concentrati gli istituti nei grandi capoluoghi ma si è rivelata una trappola e sta creando problemi di gestione. Su questo io sto facendo le mie battaglie, non metto certezze sui risultati”. Lo ha affermato il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi intervenendo alla tavola rotonda “La scuola dell’inclusione” promosso dalla Flc Cgil Scuola.

Io sto cercando di fare sì che non ci siano classi da 28 studenti e di prevedere istituti superiori non solo nelle grandi città, cambiando modo di fare politica che negli ultimi 20 anni ha guardato altrove“, ha concluso Bianchi.

Bianchi: “Stiamo lavorando per assumere più di 15 mila insegnanti di sostegno. Le Università devono aumentare i posti per i corsi di specializzazione”

Bianchi: “A settembre scuola in presenza senza la paura degli strumenti”. E annuncia: “A fine anno Stati generali”

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur