Bianchi contro insegnamento ‘lavoro di ripiego’: “Non può essere scelta dell’ultimo momento, ma decisione consapevole già dall’università”

Stampa

Nel corso del colloquio con il Sole 24 Ore, il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, ha parlato anche della formazione del personale docente.

“La riforma della didattica si fa con i docenti con il personale tecnico amministrativo e con i dirigenti: dobbiamo formare gli insegnanti, non solo i nuovi ma anche riqualificare quelli che abbiamo, dando più spessore organizzativo alla scuola. Su questo stiamo scrivendo l’atto di indirizzo per i contratti ed è uno dei cardini del Pnrr“.

Bianchi: nella nuova scuola più matematica. Concorsi docenti a cadenza regolare e percorso chiaro all’università

Poi l’affondo: “Abbiamo fatto quasi 60mila assunzioni in ruolo, abbiamo attuato i concorsi straordinari avviati dal governo precedente, completeremo i concorsi ordinari, ridisegneremo la modalità per dare cadenza regolare ai concorsi ma bisogna avere un percorso più chiaro a livello universitario per permettere a chi vuole fare l’insegnante di sceglierlo sin dall’inizio. Insegnare non può essere una scelta dell’ultimo momento e questo coinvolge moltissimo le nostre università”.

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata