Berlusconi: Gli insegnanti? Stipendi troppo bassi

di Lalla
ipsef

red – Intervento del premier Silvio Berlusconi: "Gli stipendi degli insegnanti sono inadeguati" "Noi abbiamo difeso in modo concreto la scuola pubblica" con la riforma e riteniamo che gli insegnanti abbiano "un ruolo fondamentale nell’educazione dei nostri figl" e che però "ricevano uno stipendio assolutamente inadeguato "per questo ruolo.

red – Intervento del premier Silvio Berlusconi: "Gli stipendi degli insegnanti sono inadeguati" "Noi abbiamo difeso in modo concreto la scuola pubblica" con la riforma e riteniamo che gli insegnanti abbiano "un ruolo fondamentale nell’educazione dei nostri figl" e che però "ricevano uno stipendio assolutamente inadeguato "per questo ruolo.

Così il premier Silvio Berlusconi nel corso di un collegamento telefonico con una iniziativa politica a Avezzano. 

Nel corso del collegamento telefonico, Berlusconi è tornato sulle polemiche suscitate dalle sue parole sulla scuola pubblica.

«Noi come governo – ha detto – abbiamo avviato una riforma profonda della scuola e dell’università proprio per restituire valore alla scuola pubblica e per restituire dignità a tutti gli insegnanti che svolgono un ruolo che è fondamentale per l’educazione dei nostri figli e che, dobbiamo assolutamente dirlo, ricevono in cambio uno stipendio assolutamente inadeguato».

Ma per quelli della sinistra – ha aggiunto – la scuola è servita soltanto come serbatoio politico e come ammortizzatore sociale e cioè come un posto dove organizzare il consenso e mantenere lo status quo senza mai curarsi nè del merito, nè degli studenti e neppure della necessità di razionalizzare le risorse disponibili».

«Noi – ha concluso – abbiamo difeso in modo concreto la scuola pubblica con le riforme e con un ruolo che presuppone la libertà di insegnamento e che presuppone il ripudio dell’indottrinamento politico e ideologico».

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione