Beppe Grillo vuole eliminare i sindacati, pronta la risposta

Stampa

Red – In un comizio a Brindisi del suo "tsunami tour", Beppe Grillo ha tuonato contro i sindacati, rei di essere una struttura vecchia come i partiti.

Red – In un comizio a Brindisi del suo "tsunami tour", Beppe Grillo ha tuonato contro i sindacati, rei di essere una struttura vecchia come i partiti.

""Voglio uno Stato con le palle, eliminiamo i sindacati che sono una struttura vecchia come i partiti politici. Non c’è più bisigno dei sindacati. Le aziende devono essere di chi lavora".
 
i sindacati hanno prontamente replicato: "Dopo appoggio a Casa Pound, Grillo propone abolizione sindacato e cancellazione dei suoi 12 mln di iscritti. Obiettivo è sterminio di massa?", scrive su Twitter la Cgil. 
 
"Ci mancava solo la proposta per un Italia con gli stivaloni in questa campagna elettorale", dice il segretario della Cisl Raffaele Bonanni. "Non si capisce francamente, con tutto il rispetto, che tipo di paese e di società ha in testa Beppe Grillo. Visto che lui va reclamando più democrazia, vogliamo ricordargli che senza sindacati non c’è democrazia in un paese libero e civile", aggiunge Bonanni.
 
 Luigi Angeletti usa l’arma del sarcasmo: "Siamo d’accordo con Grillo, trasferiamo la proprietà delle imprese ai lavoratori e il sindacato diventerà inutile", afferma il segretario della Uil.
 
 Risponde anche il segretario dell’Ugl Giovanni Centrella: "Grillo non propone nulla di nuovo, la sua idea è in realtà vecchia, e come altri partiti  usa il sindacato come capro espiatorio buono per tutte le stagioni e per tutti i problemi, utile a chi è a corto di idee".
 

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia