Belluno, carenza di personale scolastico. Mancano presidi e Dsga

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Nelle scuole del bellunese manca il personale scolastico. La carenza si registra fra le figure del dirigente scolastico e fra i dirigenti amministrativi (Dsga).

La situazione potrebbe anche peggiorare con l’introduzione di pensioni quota 100 con cui dirigenti scolastici e quelli amministrativi potrebbero decidere di lasciare il lavoro.

Lo scrive Il Corriere delle Alpi con un articolo inserito nella rassegna stampa Cisl Veneto.

Il giornale riporta le dichiarazioni del direttore dell’ufficio scolastico provinciale, Gianni De Bastiani, che denuncia: “Su 38 scuole presenti in provincia, 23 sono rette da dirigenti amministrativi a scavalco, oppure da assistenti amministrativi che si sono presi l’incarico di facenti funzioni dei dsga. Una situazione molto pesante, visto che da qualche anno ormai nelle graduatorie specifiche non ci sono più dirigenti amministrativi. Quindi per coprire i posti vacanti si è fatto ricorso alle utilizzazioni di assistenti amministrativi della stessa scuola. Se non ce ne sono si ricorre alla graduatoria dell’ufficio scolastico territoriale, formata da assistenti amministrativi di altre scuole. Infine, come ultima opzione, si può procedere con gli interpelli dell’ufficio regionale per raccogliere candidature anche fuori regione“.

La sindacalista Cisl, Lorella Benvegnù, interpellata dal giornale, ha spiegato che “i dirigenti amministrativi in ruolo in provincia sono presenti soltanto in una quindicina di scuole, sei scuole sono a reggenza da parte di queste figure in ruolo, tutte le altre si reggono su assistenti amministrativi incaricati di svolgere queste funzioni. Tra queste rientrano i comprensivi di Alleghe, di Lamon, peraltro scuole sottodimensionate, e di Fonzaso. Ma ce ne sono molte altre in queste situazioni. Come si capisce facilmente, la condizione bellunese è abbastanza pesante. La speranza è il concorso che è appena stato bandito, quindi è necessario attendere che vengano svolte le prove scritte ed orali. Sicuramente non potrà garantire, per l’anno scolastico 2019-2020, la copertura delle zone scoperte. Inoltre, non possiamo non considerare che in tutto il Veneto il concorso è per 200 posti, un numero irrisorio rispetto alle esigenze. Comunque andrà il concorso, alla fine molti posti di dirigente amministrativo nel Bellunese resteranno ancora una volta scoperti”.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione