“Basta con la DaD”: genitori lanciano petizione contro la decisione di Cirio

Stampa

I genitori degli studenti torinesi costretti ancora a seguire le lezioni a distanza si preparano alla protesta contro la decisione della Regione Piemonte di proseguire con la dad anche per gli studenti di seconda e terza media nonostante si sia passati dalla zona rossa a quella arancione.

“Riaprono i negozi al dettaglio e i ragazzini non tornano in classe? Chiediamo che la Regione Piemonte rimuova immediatamente questa restrizione”, è l’appello lanciato dai genitori degli studenti, che minacciano di bombardare di mail il governatore Cirio.

Piemonte, didattica digitale per seconda e terza media fino al 23 dicembre. Ordinanza

Su change.org una petizione a favore delle lezioni in presenza sta raccogliendo migliaia di adesioni.

Anche la dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo ‘Tommaseo’ Lorenza Patriarca, che è anche consigliera comunale del Pd, interviene sulla vicenda con una lettera indirizzata al presidente della Regione.

“Le chiedo di spiegare ai miei 312 studenti di seconda e terza media in Dad perché mai dovrebbero continuare ad osservare le disposizioni di legge e seguire le lezioni a distanza, invece di scendere tutti in strada seguendo l’esempio di Anita e Lisa che protestano per chiedere di dare priorità alla scuola. Come educatore le chiedo di chiarire le ragioni della sua scelta”, scrive la preside.

Il Piemonte passa quindi a zona arancione, ma per la scuola restano valide le misure da zona rossa.

Piemonte in zona arancione ma prosegue la Dad per seconda e terza media

Anita contro tutti: “Piemonte arancione, ma medie ancora chiuse. Basta, ci stanno prendendo in giro”

Piemonte, task force Regione: “Prolungamento della didattica a distanza è scelta prudenziale”

Stampa

Dattilografia + ECDL: 1,60 punti per il personale ATA a soli 160€!