Barbagallo(Uil) . Una riforma non condivisa non è applicabile. Pronti ad accordo se il Governo ci ripensa

WhatsApp
Telegram

"Questa storia della buona scuola che ci riporta ai vecchi podestà non ci convince. Noi vorremmo una scuola normale: pubblica, libera e democratica. Se il governo vuole c'è ancora tempo per assumere precari e non penalizzare coloro che pur avendo lavorato per 36 mesi rischiano di essere licenziati", così il segretario nazionale della Uil Carmelo Barbagallo, a Nuoro per gli stati generali dei sindacati, sulla riforma della scuola.

"Questa storia della buona scuola che ci riporta ai vecchi podestà non ci convince. Noi vorremmo una scuola normale: pubblica, libera e democratica. Se il governo vuole c'è ancora tempo per assumere precari e non penalizzare coloro che pur avendo lavorato per 36 mesi rischiano di essere licenziati", così il segretario nazionale della Uil Carmelo Barbagallo, a Nuoro per gli stati generali dei sindacati, sulla riforma della scuola.

"Noi – ha proseguito Barbagallo – siamo per fare un accordo anche in zona Cesarini, ma il governo si tolga dalla testa che, se fa una riforma non condivisa, quella riforma verrà applicata".

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur