Bando Inps sussidi scolastici orfani: domande entro il 31 dicembre

WhatsApp
Telegram

Bando di concorso sussidi scolastici Gestione Postelegrafonici (a.s. 2021/22) in favore degli orfani dei dipendenti del Gruppo Poste Italiane S.p.A. e dei dipendenti ex-Ipost, sottoposti alla trattenuta mensile dello 0,40% di cui all’art. 3 della legge 208/1952 deceduti in attività di servizio o nello stesso mese
del collocamento a riposo.

Si tratta di:

  • n. 5 sussidi per l’iscrizione e la frequenza di asili nido, scuola dell’infanzia e scuola primaria (elementari)
  • n. 10 sussidi per l’iscrizione e la frequenza della scuola secondaria di primo grado (media)
  • n. 30 sussidi per l’iscrizione e la frequenza della scuola secondaria di secondo grado (media superiore)
  • n. 35 sussidi per l’iscrizione e la frequenza di corsi universitari di laurea triennale o magistrale o a ciclo unico, di Conservatorio o Istituti Musicali parificati e Accademie di Belle Arti, o corrispondenti a corsi di studio all’estero
    legalmente riconosciuti

Requisiti:

a) età inferiore ai 27 anni alla data di scadenza del bando;

b) essere stati iscritti, nell’anno scolastico o accademico 2021/2022, a istituti statali o legalmente riconosciuti o paritari, quali: asili nido, scuole materne, scuole primarie (elementari), scuole secondarie di primo o di secondo grado (medie inferiori e superiori), Università, Conservatori o Istituti Musicali e Accademie di Belle Arti.

c) non essere in ritardo nella carriera scolastica di oltre un anno, in caso di richiesta di sussidio per la frequenza della scuola primaria, e di oltre due anni, in caso di richiesta di sussidio per la frequenza della scuola secondaria di primo e secondo grado.

d) nel caso di richiesta di sussidio per la frequenza di anni successivi al primo di corsi universitari di laurea, aver superato almeno la metà (con arrotondamento per difetto) degli esami o dei relativi crediti formativi previsti dal piano completo degli studi della facoltà frequentata o da quello individuale, se approvato dal Consiglio di facoltà, escludendo dal conteggio degli anni quello ancora in corso e includendo, tra gli esami superati, quelli sostenuti fino alla data di presentazione della domanda;

e) in caso di studenti universitari, non essere fuori corso;

f) non essere ospitati gratuitamente presso convitti o studentati universitari;

g) non avere fruito, per il medesimo anno scolastico o accademico, di altre provvidenze analoghe erogate dall’Istituto, dallo Stato o da altre istituzioni pubbliche e private, in Italia o all’estero, di importo pari o superiore a quello cui avrebbe avuto diritto.

Bando

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur